BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GERUSALEMME/ Lahham (vescovo): il conflitto è politico, le fedi non c'entrano

Pubblicazione:sabato 17 novembre 2012

InfoPhoto InfoPhoto

Lei teme che, a questo punto, Israele possa attaccare via terra la Striscia di Gaza?

 

Spero di no, ma sono consapevole che se i missili continueranno a cadere su Tel Aviv, gli ebrei non lo sopporteranno, sebbene questo non comporti vittime. Il terrore psicologico sarà troppo forte e un attacco è possibile.  

 

Come comunità cristiana ad Hamman, in passato e in previsione di altri attacchi, avete offerto  ospitalità ai rifugiati, in fuga da queste zone di guerra. Sarà ancora così?

 

Certamente e voglio chiarire una cosa a cui tengo molto, anzi moltissimo: non ci sono distinzioni fra cristiani e musulmani. Noi giordani, cristiani e musulmani, abbiamo accolto 250mila siriani in fuga e per la maggior parte erano devoti all'islam. Noi apriamo le nostre scuole parrocchiali a tutti e abbiamo tutto l'interesse a mostrarci prima di tutto giordani, e solo dopo cristiani e musulmani. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.