BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

VISTO DAI PALESTINESI/ Jadallah (giornalista): è una grande operazione di destra

Bombardamenti su Gaza (InfoPhoto)Bombardamenti su Gaza (InfoPhoto)

L'Egitto ha una grande responsabilità, ma non dimentichiamo che c'è un accordo tra Egitto e Israele. Con questi  bombardamenti Israele mette a rischio questo accordo e le conseguenze non sono a favore di nessuno dei tre, palestinesi, egiziani e israeliani. E' ovvio che in questo momento noi chiediamo alla comunità internazionale di far di tutto per far rispettare la legge internazionale e far sedere a un tavolo israeliani e palestinesi. E chiediamo che venga riconosciuto lo Stato che manca, che è quello di Palestina. Uno Stato che dev'essere riconosciuto secondo le leggi internazionali e secondo il principio di due Stati, uno palestinese e uno israeliano che vivano insieme fianco a fianco. Non so perché gli israeliani non vogliano questo, visto che si considerano un paese democratico.

 

Lei pensa che i territori di West Bank, che sono separati da quelli di Gaza, possa essere la ragione? Se riconosce la Palestina, Israele deve rinunciare anche a West Bank.

 

Non lo so, si può dire quello che si vuole. Il problema è che esiste una occupazione militare israeliana che divide Gaza da West Bank. Se finisce questa occupazione ovviamente si passa a discutere sugli insediamenti locali, i rapporti con gli ebrei che vivono lì e tutte le conseguenze del caso, ma deve esserci un accordo fra le due parti.

 

E Hamas? Il fatto che per molti sia una organizzazione terroristica? Crede che abbia delle responsabilità nel provocare le reazioni di Israele?

 

Chi dà forza ad Hamas è Israele. Noi abbiamo chiamato più di una volta il popolo alle elezioni, ma Israele ha sempre fatto opposizione e così abbiamo visto che cosa ha fatto Hamas a Gaza: ha preso il potere. A Gaza c'è una popolazione stremata dal blocco israeliano, c'è sempre stato il problema dell'occupazione. Oggi abbiamo una leadership aperta, moderata e democratica che cerca il dialogo e il riconoscimento internazionale. Lo sanno tutti.

© Riproduzione Riservata.