BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

FRANCIA/ Corteo contro i matrimoni gay, incidenti con le attiviste Femen (video)

La Francia cattolica manifesta contro il progetto di legge che vuole riconoscere matrimoni e adozioni gay. Sono state addirittura due giornate di mobilitazione, sabato e oggi

Foto InfophotoFoto Infophoto

La Francia cattolica manifesta contro il progetto di legge che vuole riconoscere matrimoni e adozioni gay. Sono state addirittura due giornate di mobilitazione, sabato e oggi, che hanno visto la presenza di almeno centomila persone in piazza a Parigi sotto gli slogan "Sì alla famiglia, no all'omofollia" e "Un papà e una mamma per ogni bambino". Se la manifestazione di sabato si era svolta in modo pacifico con la presenza di esponenti di tutta la società di appartenenza cattolica, quella di oggi ha visto la leadership delle proteste da parte dell'associazione considerata conservatrice di destra "Civitas" e si sono verificati anche degli incidenti. Si sono verificati quando le ormai famose contestatrici ucraine del movimento Femen, quelle che manifestano a seno nudo a favore dei diritti delle donne e dei gay, si sono mischiate nella manifestazione. Sono avvenuti subito degli incidenti, con i manifestanti che cercavano di allontanarle sembra anche in modo brutale e quindi l'intervento delle forze dell'ordine. La manifestazione di oggi doveva concludersi davanti al palazzo dell'Assemblea nazionale dove il parlamento, dopo l'approvazione da parte del consiglio dei ministri, deve decidere il sì alla legge sui matrimoni e sulle adozioni gay, fortemente voluta dal primo ministro francese Hollande. Secondo alcuni testimoni sarebbero stati aggrediti anche dei giornalisti presenti alla manifestazione: è arrivata la condanna del segretario del partito socialista, il partito del premier. Come detto, lo scorso 7 novembre il consiglio dei ministri ha approvato il progetto di legge sulle unioni tra persone dello stesso sesso con libertà anche di adozione. Adesso il progetto di legge deve essere sottoposto all'esame e al voto del parlamento francese. Secondo quanti erano presenti alla manifestazione di oggi le attiviste di Femen sono entrate facendo irruzione a seno nudo nel corteo che stava andando verso il palazzo dell'assemblea nazionale cantando slogan come "noi crediamo nei gay". Inoltre avrebbero anche lanciato della polvere bianca contenute dentro alcune bottiglie. E' scattata la rabbia dei manifestanti che le hanno attaccate gettandole a terra e cercando di spintonarle fuori del corteo.