BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

HAMAS vs ISRAELE/ Abuhasan: la maggioranza dei palestinesi vuole la tregua con Israele

Bambini nella Striscia di GazaBambini nella Striscia di Gaza

In quanto palestinese, ritengo che Hamas pretenda di essere in grado di gestire la crisi, ma stia pagando un prezzo troppo alto in termini di vittime civili, e soprattutto di donne e bambini. D’altra parte il partito islamista guarda all’Egitto, soprattutto in quanto ad essere al potere al Cairo ci sono i Fratelli musulmani. Hamas confida in un aiuto dal vicino Stato arabo, sia a livello regionale sia a livello internazionale.

 

Secondo lei come andrà a finire?

 

Le due parti si stanno infliggendo a vicenda diverse perdite umane, ma alla fine raggiungeranno una tregua. E’ questa l’unica possibile soluzione per quanto sta avvenendo a Gaza. Se Israele continuerà a colpire i palestinesi, questi ultimi risponderanno nello stesso modo con effetti molto gravi per i civili su entrambi i fronti. Magari ci vorranno giorni, settimane o mesi, ma non esiste un’alternativa a un cessate il fuoco. E’ possibile che ciò porti anche ad alleggerire la pressione su Gaza, che finora è stata la più penalizzata, eliminando i blocchi e aumentando la libertà della sua popolazione.

 

Netanyahu però ha detto di essere pronto ad “allargare significativamente” l’offensiva …

 

Quella che è in corso è una guerra psicologica, in cui ciascuno ha l’obiettivo di fare crescere la pressione sulla parte opposta e convincerla a interrompere le sue operazioni. Un’invasione di terra a Gaza però avrebbe costi molto elevati per Israele. Lo Stato ebraico lo sa bene, perché ha già vissuto una situazione simile nel sud del Libano nel 2006.

 

Quale può essere invece il ruolo dell’Europa?

 

L’Unione Europea può giocare un ruolo in Palestina, in quanto è in buone relazioni sia con Israele sia con l’Autorità Palestinese. D’altra parte il governo egiziano è più vicino ad Hamas. L’Unione Europea è quindi l’istituzione internazionale che, agendo anche attraverso l’Egitto, dispone dei mezzi diplomatici più efficaci per raggiungere una soluzione pacifica compiendo pressioni su entrambe le parti in causa. Continuare con questa situazione di conflitto del resto non aiuta né mai aiuterà il processo di pace e le persone appartenenti al popolo palestinese e a quello israeliano. L’Europa deve quindi lavorare perché si metta fine a questa escalation.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.