BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

HAMAS vs ISRAELE/ La testimonianza da un kibbutz al confine con Gaza dove piovono missili

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

InfoPhoto  InfoPhoto

Sarebbe una grande differenza se non fosse stato necessario. Ma guardiamo a quello che sta realmente accadendo: Hamas sta lanciando dei missili il cui obiettivo specifico è la popolazione nelle grandi città ebraiche. Per fortuna io mi trovo in un piccolo kibbutz, che finora è stato risparmiato dai missili, ma Sderot, Ashdod o Ashkelon sono colpite di continuo. Significa che Hamas vuole uccidere il maggior numero possibile di israeliani. D’altra parte Israele ha la potenza e la tecnologia per fare altrettanto ai palestinesi, ma si sta limitando a compiere un’operazione chirurgica, cercando di minimizzare le perdite civili tra gli abitanti di Gaza.

 

E lei chiama “operazione chirurgica” l’uccisione di donne e bambini?

 

Nello Stato ebraico le vittime sono state di meno che a Gaza solo perché Israele ha una difesa antiaerea con la quale abbatte i missili, e i suoi abitanti sono molto più addestrati a mettersi in salvo nei rifugi ogni volta che scattano gli allarmi. L’unica vera sproporzione in quanto sta avvenendo è che i palestinesi stanno puntando in modo intenzionale i loro missili contro il territorio ebraico, e ogni giorno ci sono oltre 150 razzi indirizzati sulle grandi città israeliane, dove si trova la maggioranza della popolazione civile.

 

Dopo i fatti di queste ore, spera ancora nella pace per il futuro del suo Paese?

 

Spero nella pace e in un cessate il fuoco, nella possibilità che entrambi i popoli possano trovare un po’ di quiete e che la tregua duri per lungo tempo. Ma di fronte a un’ideologia estremista come quella di Hamas, che crede nella distruzione dello Stato di Israele, purtroppo ci sono davvero poche speranze per la pace.

 

Quindi lei desidera la pace, ma non ci spera veramente …

 

Non è vero. Dobbiamo andare nella direzione della creazione di due Stati, uno israeliano e uno palestinese. Il presidente dell’Autorità Palestinese in Cisgiordania, Abu Mazen, rappresenta un’ideologia e una prospettiva politica che ci dà una speranza nel fatto che la pace possa essere raggiunta.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.