BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

QUI ISRAELE/ La testimonianza: vi racconto dei razzi, della sirena e della paura che si respira

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Una mia amica, tra l’altro incinta, stava viaggiando da sola in macchina quando la sirena ha iniziato a suonare. Potete capire che in un momento del genere è davvero impossibile rimanere freddi quindi è facile venire sopraffatti dall’ansia di essere colpiti mentre ci si trova a bordo. Lei è scesa immediatamente, chiedendo aiuto a un uomo israeliano che, abituato a situazioni di stress come queste, l'ha esortata a sdraiarsi a terra, come hanno poi fatto tutti. In questo modo, infatti, nel caso in cui un razzo dovesse esplodere nelle vicinanze, si può evitare di essere investiti completamente dalla deflagrazione e dalle schegge che questa produce.   

In che modo la popolazione israeliana avverte l’attuale intervento occidentale?

Dopo l’inizio delle ostilità e a seguito dei primi annunci, ora si avverte un’incredibile inerzia da parte dell’Occidente, come se questa fosse una realtà parallela con cui non ci si dovrà mai incontrare. E' poi molto sentito l'aspetto non solo politico, ma anche mediatico.

Cosa intende?

I mass media hanno ovviamente una grandissima influenza e in molti casi omettono di spiegare i motivi reali di questa situazione. Una persona che vuole informarsi leggendo i giornali, infatti, potrebbe pensare che tutta questa situazione sia nata praticamente dal nulla o dall’assassinio mirato del comandante di Hamas avvenuto settimana scorsa, ma non è assolutamente così.

Si spieghi meglio.

Quest’ultima escalation nasce qualche giorno prima, quando un  missile sparato da Gaza ha centrato un carro armato israeliano in territorio israeliano. Questa è stata la prima, gravissima violazione condannata da più parti e da cui il numero dei razzi sparati ha cominciato ad aumentare in maniera esponenziale. Il più delle volte i media trascurano completamente questi dettagli ed è proprio su questo aspetto che la rabbia degli israeliani si fa sentire e si avverte molto chiaramente.

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.