BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

HAMAS vs ISRAELE/ Sfaradi: Abu Mazen sta dando una mano all'Iran (contro la pace)

InfoPhotoInfoPhoto

Ad infiammare la polveriera, come se ce ne fosse bisogno, ci si sta mettendo anche Abu Mazen da Ramallah che, nonostante gli sia stato chiesto da più parti di non fare richieste di riconoscimento unilaterale dello stato palestinese da parte dell’Assemblea generale dell’Onu, continua imperterrito per la sua strada. Il riconoscimento sarebbe automatico, visto che la stragrande maggioranza delle nazioni rappresentate all’Onu è chiaramente schierata con i palestinesi, ma affosserebbe definitivamente quel poco che resta del trattato di Oslo e questo passo potrebbe essere visto dallo Stato ebraico come un vero "casus belli". In Israele, alla fine del prossimo gennaio, ci saranno le elezioni politiche e sia i commentatori che le proiezioni vedono un netto rafforzamento del blocco di destra formato dai due partiti Likud e Israel Beitenu che in questa tornata elettorale corrono come lista unica.

Possiamo immaginare che il governo che nascerà sarà ancora più attento alle questioni legate alla sicurezza, cosa fondamentale in luoghi che possono veder cambiate nel giro di pochi giorni la loro natura geopolitica. 

© Riproduzione Riservata.