BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI USA 2012/ Mitt Romney, il discorso: prego per Obama (video)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

Mitt Romney, il grande sconfitto di queste elezioni americane, ha voluto salutare e ringraziare comunque i suoi sostenitori. Lo ha fatto nella sede del suo comitato elettorale a Boston dove in migliaia sono comunque accorsi a salutarlo. Romney ha esordito scusandosi con i suoi elettori per non aver saputo vincere: spero di non avervi deluso, ha detto. Ha poi fatto sapere di aver telefonato a Barack Obama per congratularsi per la sua vittoria, facendo gli auguri a lui, alla sua famiglia e ai suoi sostenitori. Ha anche detto di pregare per Obama perché sia in grado di vincere le sfide che lo attendono. Adesso, ha detto continuando nel suo discorso, è il momento di superare le divisioni di partito per lavorare insieme. Lo stesso invito glielo aveva rivolto Obama chiedendo a Romney di lavorare con lui per il bene degli Stati Uniti. Come Obama, anche Romney ha ringraziato la moglie, Ann, di cui ha detto che sarebbe stata una first lady fantastica ("Questo è un momento difficile per l'America  auguro al presidente di avere successo nel guidare il paese. Grazie a mia moglie Ann, sarebbe stata sicuramente un ottima first lady"). Ha ringraziato anche il suo vice Paul Ryan. "Siamo in un momento di grandi sfide per l'America e prego perché presidente abbia successo nel guidare la nostra nazione" ha detto. Romney però ha ricevuto anche dei fischi dai suoi sostenitori, gran parte dei quali erano in lacrime per la sconfitta. Fischi perché si è congratulato con il vincitore. Un discorso molto breve quello di Romney, come era da aspettarsi vista la sconfitta, dopo un testa a testa durato tutta la campagna elettorale e che probabilmente lo aveva illuso di poter vincere. "Credo nell'America e nel popolo americano, avrei voluto guidare il Paese verso il cambiamento, ma il Paese ha scelto un altro leader" ha concluso. Nel dettaglio Obama ha conquistato anche stati che sembravano dovessero andare a Romney, come la Pennsylvania, e il Michigan che è lo stato natale di Romney ma che da sempre è tradizionalmente democratico. Obama ha poi battuto Romney in uno degli stati chiave, la Virginia, mentre l'unico degli stati incerti che è andato a Romney è stata la North Carolina.



  PAG. SUCC. >