BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIRIA/ Jean: i gas velenosi di Assad aprono a un intervento militare dell'Occidente

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

A mio avviso ci potrà essere essenzialmente un intervento aereo in particolar modo di aerei telecomandati senza pilota. Questi aerei mireranno a colpire e far fuori lo stesso Assad e il suo circolo più ristretto di collaboratori. Molto più complicato  e difficile mi sembra un intervento terrestre nonostante il fatto che l'esercito turco sia un esercito molto forte sia come effettivi che come armamenti anche perché utilmente ha ricevuto appoggio e armamenti da parte americana e tedesca.

 

Si potrebbe assistere a una invasione di terra dell'esercito turco e a un sostegno aereo americano?

 

Sì, oppure un sostegno aereo alla resistenza armata siriana con l'intervento di turchi, americani e quasi sicuramente inglesi e francesi che si accoderanno agli americani.

 

Come ha dimostrato il recente caso della Libia però l'intervento aereo significa tempi molto lunghi per un conflitto, mentre l'invasione di terra accorcerebbe tali tempi. E' d'accordo?

 

Certo: sicuramente una invasione di terra è più rapida e più decisiva però vuol dire che con una invasione automaticamente il post Assad viene preso a carico dalle potenze occidentali anziché dagli insorti. E questo non credo che loro  lo vogliano.

 

E i russi davanti a una invasione o comunque a un intervento occidentale staranno a guardare o interverranno anche loro?

 

No assolutamente non sono in grado di farlo, diciamo che i russi hanno appena gli occhi per piangere. Non hanno alcuna capacità di intervenire militarmente con truppe di terra e soprattutto i russi non vogliono rompere con l'occidente. Penso che tutta la recente politica estera russa sia rivolta  a un reset con l'America. 

 

Perché secondo lei?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >