BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SIRIA/ Jean: i gas velenosi di Assad aprono a un intervento militare dell'Occidente

Assad sta impiegando gas nervini contro la popolazione siriana, cosa che potrebbe provocare l'intervento militare occidentale. Il Generale CARLO JEAN ci spiega i possiibli scenari

InfoPhoto InfoPhoto

I gas velenosi entrano sullo scenario già sufficientemente drammatico della guerra civile siriana: secondo quanto si apprende infatti ci sono state diverse vittime provocate dall'uso di un gas ritenuto simile al Sarin, un gas nervino classificato come arma di distruzione di massa. L'uso di tale gas era stato anticipato già da tempo dai servizi di sicurezza e dai media americani, ma nessuno pensava che Assad arrivasse veramente a usarlo in quanto il suo uso può provocare l'intervento militare dei paesi occidentali che hanno già avvertito da tempo il regime siriano di questa eventualità. Cosa sta dunque succedendo in Siria? Assad davanti alla soluzione finale dettata dalla disperazione? Secondo il generale Jean contattato da ilsussidiario.net, "più che scelta disperata quella di Assad è una scelta suicida: l'uso del gas innesterà quasi sicuramente un intervento militare internazionale". Ecco dunque quali scenari militari si prospettano nell'immediato futuro.

I paesi occidentali hanno già prospettato la minaccia di intervento militare davanti all'uso di gas velenosi: perché Assad è passato a questa iniziativa? E' la disperazione?

Più che disperazione lo definirei atteggiamento suicida. Come si sa, questo uso di gas innesterà quasi sicuramente un intervento militare internazionale nonostante il fatto che la Russia e la Cina al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite continueranno a porre il veto su tale intervento.

Basterà ad evitare l'intervento militare?

Bisogna dire che la Russia al momento è fortemente spiazzata dagli eventi che si stanno verificando in Siria e negherà che Assad abbia potuto usare armi chimiche contro il proprio popolo. Anche se c'è un precedente ed è quello di Saddam contro la popolazione curda dell'Iraq.

A cui non seguì alcun intervento immediato di forze militari. Bisogna poi tener conto che in Siria ci sono molti consiglieri militari russi e anche questo potrebbe impedire l'intervento militare occidentale per paura di conseguenze gravissime.

In realtà la presenza di consiglieri militari russi impiegati per il sistema di difesa aereo non è a mio avviso questa grande novità, dato che il sistema di difesa aereo siriano è di costruzione russa. Questo vuol dire che quando uno fornisce le armi, manda anche gli esperti tecnici per l'impiego delle armi stesse. Quindi non è da escludere che ci siano consiglieri militari russi, ma la Russia lo negherà e di conseguenza non sarà una remora per un intervento militare in particolar modo di Stati Uniti e Turchia. Anche se le perplessità permangono e riguardano soprattutto la situazione interna siriana.

Cioè?

Il fatto che elementi radicali islamici abbiano un ruolo di rilievo nella direzione dell'esercito di liberazione e nello stesso consiglio popolare siriano. Sono elementi che rendono davvero intricata la situazione interna dello stesso fronte di liberazione.

Si può dire che stiamo assistendo a una accelerazione degli scenari di guerra anche a livello internazionale?