BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAPODANNO/ Come si fa a non sperare che l'anno prossimo sarà migliore?

Pubblicazione:

La sfera a Times square (Foto: Infophoto)  La sfera a Times square (Foto: Infophoto)

Sembrerebbe il ritratto della vecchia Europa. Gli stessi sintomi di una malattia che attacca il cuore e mina il desiderio. L'America però è giovane, e la voglia di vivere nei giovani è prorompente. È uno slancio naturale. Si prende una bastonata, ma si riparte. Come quando ci si innamora, la storia finisce male e sembra che nulla potrà mai più accadere. Ed invece accade, perché la sete di felicità è un motore "built in", che è costruito dentro di noi e di cui non possiamo liberarci. Occorre però che la "gioventù" diventi maturità se non vogliamo che il sogno diventi illusione.
Ognuno al suo lavoro, dunque, senza paura di questo desiderio che ci brucia addosso. Alla ricerca di Chi ce l'ha messo nel cuore.
Happy New Year, America!



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
02/01/2013 - e' nata la speranza!| (antonio petrina)

un canto natalizio ,ripreso nella sera del Te deum,eseguito da un drappello di alpini echeggiava questo verso:"...in quella notte placida è nata la speranza!".Ricambiamo gli auguri dalla terra americana!