BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SCENARI/ Giraldi (Cia): vi svelo il doppio gioco del Pakistan con Usa e talebani

Milizie afghane (Infophoto)Milizie afghane (Infophoto)

Non è questo il punto, quanto piuttosto il fatto che il governo del Pakistan sta cercando di essere molto cauto in tutte le sue relazioni internazionali. E’ questo del resto il motivo per cui esistono i servizi segreti, la cui funzione è proprio quella di consentire ai governi di compiere qualcosa e nello stesso tempo di smentire tutto.

 

Il capitano John Kirby, portavoce del Pentagono, ha dichiarato: “Siamo a lungo stati preoccupati per i legami tra gli elementi dell’ISI e alcune reti estremiste”. Che cosa ne pensa di questa dichiarazione?

 

Si tratta di una lamentela che negli ultimi anni abbiamo sentito diverse volte da parte del Dipartimento di Stato Usa. E’ una preoccupazione legittima, ma nello stesso tempo anche gli Stati Uniti stanno parlando ai talebani. Questi ultimi purtroppo sono una realtà e anche i governi devono prenderne atto. Ma la vera domanda è fino a che punto i talebani siano in grado di tornare a essere il partito di governo in Afghanistan, e fino a che punto invece siano soltanto un gruppo tra i tanti presenti nel Paese.

 

In che modo la CIA sta cercando di contrastare il ruolo del Pakistan nella regione?

 

Non posso parlare a nome della CIA, in quanto non lavoro più per i servizi segreti Usa, ma ritengo che questi ultimi abbiano una relazione ambigua con il governo pakistano e con l’ISA. La CIA è infatti convinta che il Pakistan stia giocando nello stesso tempo più ruoli differenti, trattando con molti degli attori dell’area, siano essi gruppi o governi, e con ciascuno in modi differenti. I servizi segreti Usa si sono quindi fatti l’idea che il Pakistan non sia completamente affidabile, perché quello che afferma potrebbe essere diverso da ciò che fa.

 

Perché allora gli Stati Uniti hanno scelto il Pakistan come loro alleato?

 

Perché non avevano alternative. Il Pakistan è infatti indispensabile per la stabilità nell’Asia centrale e meridionale, ed è essenziale per chiunque altro si trovi coinvolto in quella regione. Gli Usa trattano quindi con il Pakistan pur sapendo che potrebbero esserci delle difficoltà nei rapporti reciproci.

 

Cosa accadrà quando gli Usa si ritireranno dall’Afghanistan?