BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARI/ Giraldi (Cia): vi svelo il doppio gioco del Pakistan con Usa e talebani

Milizie afghane (Infophoto) Milizie afghane (Infophoto)

Dipende da come sarà la situazione politica nel Paese mediorientale in quel momento. Se l’Afghanistan avrà un governo relativamente forte, i pakistani stringeranno un accordo con il suo premier. Ma se si convinceranno del fatto che i talebani possano continuare a essere una delle principali forze politiche nel Paese, allora probabilmente stabiliranno rapporti sia con il governo sia con i talebani.

 

Fino a che punto il fatto che il Pakistan stia trattando con i talebani può avere conseguenze pericolose?

 

Il Pakistan sta certamente trattando con alcuni dei gruppi talebani in Afghanistan. Per rispondere alla sua domanda però, occorrerebbe sapere con quali di questi gruppi abbia stretto legami. Ma questo credo che in Occidente non lo sappia nessuno.

 

Osama Bin Laden si è nascosto in Pakistan per diversi anni. Il rapporto della Nato  è la dimostrazione che a proteggerlo erano i servizi segreti pakistani?

 

Su questo si può ipotizzare che in Pakistan qualcuno stia portando avanti una sua guerra personale, anche se purtroppo non lo sappiamo con certezza. Non abbiamo sufficienti informazioni sulla politica interna del Pakistan, per essere in grado di affermare chi sia a dettare le regole di quanto sta avvenendo nel Paese. Nessuna delle diverse fonti che ho consultato ne sapeva abbastanza da questo punto di vista.

 

L’obiettivo del Pakistan è controllare la situazione o destabilizzare l’Afghanistan?

 

L’intenzione del Pakistan è quella di essere in grado di controllare la situazione: non credo che voglia un Afghanistan instabile perché quest’ultimo invaderebbe l’India. Islamabad vuole quindi mantenere la sua influenza, ma non intende essere coinvolto direttamente nel Paese vicino.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.