BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

IRAN/ L'Onda verde vuole una nuova rivoluzione ma fa il gioco del potere

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Si è trattato proprio di un appello a questa ricerca di legittimità di cui parlavo. Gli ambienti delle forze armate, di governo e tutti coloro che lavorano in uffici statali avvertiranno maggiormente la sensazione che andare a votare sarebbe meglio per il loro futuro, e domani si recheranno senza dubbio alle urne. Dall’altro lato, coloro che sono stati più danneggiati dalle politiche del governo cercheranno di spostare il loro voto in modo di favorire gli oppositori di Ahmadinejad in Parlamento. Infine, chi si ritiene in totale opposizione all’unico sistema di democrazia islamico deciderà di non andare a votare.

Su che tipo di sostegno può ancora contare Ahmadinejad?

Su significativi strati della popolazione, in particolare quello meno abbiente, che ha potuto beneficiare per esempio dei programmi di compensazione per l’abolizione dei sussidi, con i quali ogni cittadino che rientra in una certa fascia riceve 37 dollari al mese, che in molte famiglie possono fare la differenza. Proprio per questo sono state sensibilizzate e fidelizzate al governo e alle sue politiche, e proprio per questo voteranno Ahmadinejad.

E la Guida Suprema?

La Guida Suprema gode di un vantaggio costituzionale nei confronti del presidente, e ha ormai 72 anni. Proprio per questo si tratta di un momento spartiacque, perché si tratta di un regime che si avvia verso una successione in un momento particolarmente traumatico della propria esistenza, sia a livello interno che a livello internazionale. In qualsiasi regime, in particolar modo in uno rivoluzionario, le successioni sono sempre un momento delicato, e la Guida Suprema vorrà stare molto attenta a coltivarsi quegli interessi che possono garantire una successione poco turbolenta, senza inimicarsi sezioni chiave dello scenario politico, clericale e militare. Tutto questo per consentire di passare lo scettro a una persona di sua fiducia, che potrebbe anche essere un membro della sua famiglia.

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.