BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TUNISIA/ Mansouri: sharia e polizia religiosa, ecco il Califfato islamico

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Donne in spiaggia con il burqa  Donne in spiaggia con il burqa

Transizione a rischio per la giovane democrazia tunisina. Ne è prova il fatto che in questi giorni migliaia di persone sono accorse nella capitale da tutto il Paese, per partecipare a un congresso sulla sharia e la Costituzione che si sta trasformando in una manifestazione di massa appoggiata dalle correnti islamiche più estremiste. Da mesi l’Assemblea costituente, eletta lo scorso ottobre, sta discutendo la nuova legge fondamentale dello Stato che sostituirà quella in vigore dal 1959. Come sottolinea Mustapha Mansouri, esponente del movimento Musulmani moderati italiani e segretario nazionale della Confederazione dei marocchini in Italia, “la deriva islamista sta portando rapidamente la Tunisia all’istituzione del Califfato islamico, come documenta il fatto che una settimana fa il Paese ha dato vita a corpi di polizia religiosa come in Arabia saudita. Questo inasprisce le tensioni nel Paese, così forti che ritengo che sia già in corso una guerra civile”.

 

Mansouri, che cosa ne pensa dell’attuale dibattito sulla Costituzione in Tunisia?

 

In Tunisia esiste già una Costituzione fin dal 1959, cioè tre anni dopo l’indipendenza del Paese avvenuta nel 1956. Si trattava di una Costituzione laica e moderna, come documenta il fatto che Tunisi ha riconosciuto il diritto di voto alla donna soli 13 anni dopo rispetto all’Italia. Oggi però le forze islamiste chiedono a gran voce una nuova Costituzione basata sulla sharia, e una settimana fa hanno istituito la polizia religiosa come in Arabia Saudita. La Tunisia sta quindi andando verso una deriva di estremismo e radicalismo islamico, che la sta portando a trasformarsi da Repubblica tunisina in califfato islamico.

 

Ritiene che sia questa la vera intenzione del partito Ennahda oggi al governo?

 

Sì, anche se l’Occidente non intende farci caso e non ha voluto aiutare quei giovani e quelle donne che hanno creduto nella libertà e cacciato il dittatore Ben Alì, solo per cadere nelle mani degli estremisti radicali che lavoravano da anni sottobanco per conquistare il potere. Un giorno quindi Ennahda dichiara una cosa, il giorno dopo la smentisce, ma i fatti sono molto preoccupanti.

 

Quali sono gli obiettivi del Congresso sulla sharia e la Costituzione in corso a Tunisi?


  PAG. SUCC. >