BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

ITALIANI RAPITI/ Liberato Claudio Colangelo, Paolo Bosusco ancora in mano ai guerriglieri

I guerriglieri maoisti indiani hanno liberato uno dei due ostaggi italiani, Claudio Colangelo. La conferma ufficiale da parte del nostro ministro degli esteri

Foto InfophotoFoto Infophoto

Italiani rapiti, finalmente la svolta. E' stato infatti liberato uno dei due ostaggi, Claudio Colangelo, mentre rimane in mano ai guerriglieri maoisti Paolo Bosusco. Stamattina erano filtrate indiscrezioni secondo le quali entrambi gli ostaggi erano stati liberati, ma la Farnesina aveva smentito. Poi improvvisamente, dimostrando che qualcosa di vero c'era nella notizia, si è appreso che almeno uno dei due era stato effettivamente liberato. Si tratta di Claudio Colangelo, il più anziano dei due - 61 anni e sarebbe anche malato di malaria - che è stato lasciato a una televisione locale. E' l'emittente Ndtv che ieri sera aveva dato notizia della liberazione di tutti e due gli italiani.  Il suo rapimento è durato in tutto undici giorni, che nelle sue parole è stato definito una esperienza spaventosa. Colangelo ha poi detto: "Spero che rilascino presto anche Paolo. Anche lui ha contratto la malaria, ma non è grave. Avevano detto che mi avrebbero rilasciato già alcuni giorni fa ma poi non era successo nulla. Cominciavo a disperare. Vorrei capissero che comprendiamo la loro guerra. Ma è stata un'esperienza terribile". Il tutto è accaduto mentre nelle ultime ore il gruppo dei maoisti era rimasto coinvolto in una lotta tra diverse fazioni interne. Qualche giorno fa un poliziotto indiano era stato rapito e quindi giustiziato immediatamente con dei colpi di fucile alla testa mentre nelle stesse ore veniva rapito anche un parlamentare indiano, da parte di un folto gruppo armato di ribelli composto da un centinaio di persone. Tutti episodi che hanno reso la trattativa per la liberazione dei due italiani estremamente complicata. La Farnesina comunque ha aspettato per diramare una nota ufficiale per dare conferma dell'avvenuta liberazione dell'italiano. Ma la prova che è stato effettivamente liberato arriva anche da twitter, dove l'uomo è stato in grado di scrivere un pensiero per la sua famiglia: chiamerò presto la mia famiglia, spero che anche Paolo venga rilasciato. Il primo commento ufficiale è infatti arrivato dal console generale Melchiori a Bhubanesvar che ha detto di aver parlato con l'ostaggio liberato. Sarebbe in viaggio con alcuni giornalisti indiani.  E' quindi intervenuto personalmente il ministro degli esteri che ha detto di aver comunicato la bella notizia ai familiari aggiungendo che adesso bisogna riportare a casa anche l'altro ostaggio. "Il risultato di oggi rappresenta per tutti coloro che in questi giorni sono stati impegnati senza sosta sulla vicenda una motivazione ancora più forte per proseguire il lavoro verso  una soluzione positiva anche per questo caso. In tal senso continuiamo a contare sulla collaborazione e disponibilita' da parte dalle Autorita' indiane, sia centrali che nello Stato dell'Orissa" ha detto Terzi.