BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

USA-CINA/ L'ex console: a chi conviene esasperare Pyongyang?

Pubblicazione:martedì 27 marzo 2012

Kim Jong-un, presidente della Corea del Nord Kim Jong-un, presidente della Corea del Nord

Se i coreani del Nord e del Sud fossero lasciati liberi di parlarsi, la pace domani sarebbe fatta. Se invece continuano a dover discutere con russi, cinesi, statunitensi e giapponesi, prima di giungere alla pace passeranno altri 60 anni.

 

Lei però poco fa ha detto di credere “assolutamente” alla sincerità delle parole di Obama …

 

Sì, ma non sono schierato a favore o contro il presidente Usa. Ciò che intendo dire è semplicemente che se americani, russi, cinesi e giapponesi sono sinceri, la pace in Corea sarà possibile. E’ un fatto che sono anni che le quattro potenze regionali si incontrano a Pechino, ma ancora non riescono ad intendersi.

 

E’ la Cina a fare il doppio gioco e ad avere interesse nel conflitto coreano?

 

Non è questo che voglio affermare né pensare. Se ciascuno evita qualsiasi doppiezza, la pace sarà raggiunta. Secondo un detto famoso, “la guerra è fatta da persone che non si conoscono e si uccidono per il profitto e il beneficio di persone che si conoscono benissimo e che non si uccideranno mai”.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.