BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IRLANDA/ John Waters: pronti a ribellarci ai dictat di Germania e banche centrali

Un manifesto per il referendum in Irlanda Un manifesto per il referendum in Irlanda

E’ davvero difficile riuscire a prevederlo, perché ci sono troppe variabili in gioco. E’ possibile per esempio che se si dovessero profilare dei rischi di un “no”, gli altri Paesi europei potrebbero considerarlo una battuta d’arresto troppo grave per il progetto europeo. Potrebbero quindi concedere all’Irlanda dei margini di manovra più ampi, che potrebbero portare a un voto favorevole. Ciò che è avvenuto infatti è che l’Irlanda è stata paralizzata per problemi che non avevano a che fare con i cittadini irlandesi, ma con le pratiche degli istituti di credito, le banche centrali europee e le politiche monetarie dell’euro. L’insieme di questi fattori ha provocato una sorta di iperinflazione in tutta Europa, e soprattutto nei Paesi periferici come Irlanda e Portogallo. La Germania ne è stata risparmiata perché nei primi anni del nuovo millennio, quando è stato introdotto l’euro, era in una fase di depressione. Secondo i tedeschi, la difficile situazione in cui si trova ora l’Irlanda sarebbe una conseguenza del nostro atteggiamento morale. Mentre è una conseguenza delle politiche perseguite dall’Europa centrale, cioè essenzialmente dalla Germania.

 

Secondo l’Irish Times, “se il referendum dovesse respingere il patto fiscale europeo, questo aprirebbe una prospettiva terrificante per il nostro Paese”. E’ d’accordo con questa affermazione?

 

No, non sono affatto d’accordo. Venerdì ho scritto un articolo per l’Irish Times che sostiene l’opinione opposta. Ora abbiamo l’opportunità di rendere chiari i nostri trattati con i nostri partner europei. Vogliamo che per loro sia molto chiaro che non tollereremo di subire l’inflazione per i prossimi 20 anni.

 

Perché l’Irlanda può dire no a ciò che Italia e Grecia hanno dovuto accettare?


COMMENTI
08/03/2012 - schiena dritta (Antonio Servadio)

opinioni e prospettive assai chiare. It's all about having the backbone.