BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

OSTAGGIO UCCISO/ De Michelis: scontiamo vent'anni di perdita di autorevolezza

Infophoto Infophoto

«In tal caso – afferma De Michelis – il problema è consistito nella non esatta definizione delle regole d’ingaggio. Di cui, probabilmente, il ministro degli Esteri, di professione diplomatico e, a maggior ragione, il ministro della Difesa, di professione militare, per giunta in marina, avrebbero dovuto occuparsi». In sostanza: «le navi scortate da militari in servizio dovrebbero prevedere che la decisione sulle rotte, in tutti i casi di situazioni complicate, siano prese dal governo e, in particolare, dal ministero della Difesa. In questo caso, invece, pare che sia stato l’armatore a prendere le decisione di abbandonare le acque internazionali e condurre la nave al porto di Kochi».  

© Riproduzione Riservata.