BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TERREMOTO INDONESIA/ L'esperto: lo tsunami? Ecco come non farsi cogliere di sorpresa come nel 2004

Pubblicazione:mercoledì 11 aprile 2012 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 11 aprile 2012, 14.45

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Ma come nasce uno tsunami e cosa invece ancora non è chiaro? Il professor Zitellini ci spiega che ad oggi «sono chiare le modalità con cui si genera uno tsunami: dopo un forte terremoto avviene uno spostamento del fondo, che si solleva o si abbassa repentinamente spostando tutta la colonna d’acqua. Questo chiaramente destabilizza tutto l’equilibrio gravitazionale e in questo modo nasce un’onda che si propaga in tutte le direzioni. Questa è la ragione principale, ma quello che non si riesce a stabilire con chiarezza è perché molte volte, a seguito di un grande terremoto, non si generi uno tsunami. Le informazioni riguardanti il terremoto non sono quindi ancora sufficienti a stabilire con certezza la creazione di uno tsunami, ma è necessario aspettare che un’onda passi su uno dei sensori e avverta che lo tsunami si è effettivamente creato». Dopo che l’allarme tsunami è stato lanciato dalle agenzie competenti e dalle autorità locali, c’è praticamente solo una cosa da fare: «Bisogna semplicemente allontanarsi dalla costa. Può sembrare banale, ma in particolare chi abita vicino alla zona costiera deve allontanarsi il più possibile, mentre per edifici e manufatti non c’è niente da fare: bisogna lasciarli lì e allontanarsi immediatamente».  

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.