BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

INDIA/ Il giurista: la sorte dei marò? Un altro caso Battisti per colpa dell'Italia

Secondo ANNALISA CIAMPI il luogo ove è avvenuto l’episodio contestato è solamente uno dei criteri per stabilire la giurisdizione; sarebbe stato meglio puntare su una strategia diversa

InfophotoInfophoto

E’ tutto rinviato a oggi. La corte di Kerala infatti dovrebbe esprimersi sul ricorso presentato dall’Italia rispetto al caso dei fucilieri del Reggimento San Marco, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, accusati di aver ucciso due pescatori indiani scambiandoli per pirati. La petroliera Enrica Lexie, al momento del fatto contestato, si trovava in acque internazionali. Secondo i difensori dei due marò, quindi, valgono le norme del diritto internazionale che prevedono di affidare la giurisdizione del caso alla Stato di cui la nave batteva bandiera, l’Italia. Secondo altre fonti, tuttavia, oggi il tribunale indiano si limiterà ad acquisire la memoria difensiva dei legali dei marò, e rinvierà la decisione in merito a dove si terrà il processo a loro carico a data da destinarsi. Comunque stiano le cose, ilSussidiario.net ha chiesto ad Annalisa Ciampi, professore associato di Diritto internazionale nell’Università di Verona, un parere sulla vicenda.

E’ così scontato che la giurisdizione spetti all’Italia? «La giurisdizione – spiega -, in prima battuta, la decide lo Stato che ha in mano i responsabili da giudicare, a prescindere dal luogo ove è avvenuto il crimine». Si capisce perché, in molti, stiano auspicando una soluzione “cordiale”. «Siccome l’India ha deciso di non concedere l’estradizione, e dato che il diritto internazionale non impone una soluzione alternativa, effettivamente, a questo punto, non resta che sperare in una soluzione amicale». Il problema, tanto per cominciare, è che per la generalità del crimine imputato non esiste un ente sovranazionale preposto a giudicare: «Per certi crimini esistono delle norme internazionali che coordinano l’esercizio della giurisdizione da parte degli Stati, stabilendo delle priorità e degli obblighi di estradizione. Abbiamo singole convenzioni su singole attività criminose, come il dirottamente aereo, la presa di ostaggi, il genocidio o i crimini di guerra. Al di fuori di queste ipotesi, i rapporti sono regolati da accordi bilaterali eventualmente basati sull’esistenza di un trattato di estradizione». Ebbene: «i casi in cui istituzioni come la Corte penale internazionale giudicano su attività individuali sono del tutto eccezionali. E il crimine, in questo caso, è di diritto comune. Non ricade, quindi, nell’ambito di nessuna disciplina internazionale su crimini internazionali».

Nello specifico, l’Italia può vantare ben poche pretese: «afferma una giurisdizione in virtù del fatto che non si è trattato di un crimine territoriale dell’India, ma che è avvenuto in acque internazionali; sostiene, quindi, che non ci sia una legame così stretto con lo Stato da giustificare un processo in India. Questo, tuttavia, è un argomento utile per rafforzare la richiesta di estradizione, ma non rappresenta una questione dirimente». 


COMMENTI
11/04/2012 - E' logico e chiaro (Beatri Monti)

che in un caso in cui l'opinione pubblica preme e condiziona sicuramente le scelte dei giudici (trattandaso di membri di stati diversi, anche se 'amici') debba sicuramente essere giudicato da una corte internazionale. E' ovvio che in questo clima si rischia anche la manomissione di prove ed esami pur di arrivare al loro perseguimento. Sono comunque stupita del comportamento da principianti dell'india... a questo punto la tailandia dovrebbe pretendere la consegna dei militari che avevano ucciso il loro pescatori... se fossere coerenti con la loro 'logica' dovrebbero consegnarli alla tailandia. Dare in mano il potere a un frustrato e' la cosa piu' pericolosa.

 
03/04/2012 - non lo meritiamo (francesco taddei)

prima il caso battisti, ora i due marò. i governanti italiani si dimostrano inadeguati e lo scoramento dei parenti delle vittime, dei militari e del popolo italiano(che quando vuole vede,sente e parla) aumentano sempre più. possibile che gente più capace non ci sia?