BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI FRANCIA/ Ostellino: i pericoli di una vittoria dello statalista Hollande

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: Infophoto  Foto: Infophoto

A mio parere i centristi voteranno per Sarkò. I centristi sono moderati, riflettono lo spirito della Francia conservatrice. Non penso proprio che per far un dispetto all'attuale Presidente della Repubblica (che anche loro non amano di certo)  sposino le tesi di Hollande. Sono realisti e sanno che scegliere Hollande significa andare a finire veramente male.

Se si fanno i conti per il ballottaggio al momento, Hollande può contare sui voti di sinistra di Mélenchon e su quelli dei “verdi”. Potrebbero essere sufficienti ?

I voti dell'estrema sinistra sono un “pacchetto” consistente, quasi l'undici percento. Sulla carta, al momento Hollande supera il 40 percento. Sarkozy, anche con i centristi, non arriva al 40 percento. Poi ci sono le incognite del voto di destra. Quindi la partita resta ancora incerta, anche alla luce di quello che avverrà in questi quindici giorni prima del ballottaggio.

Una vittora di Hollande significherebbe la fine dell'asse franco-tedesco con la politica del rigore al primo posto.

Alla fine non significherebbe granché. Qui occorre partire da una considerazione più generale. E' fallita l'Europa. Anzi è fallito lo Stato nazionale del Novecento nato con la grande crisi del 1929. E' fallito il keynesismo. E si sta andando diritti verso uno stato totalitario per via fiscale e  amministrativa. Non finirà nessuno in galera, ma sarà ugualmente uno  Stato totalitario. Questo riguarda oggi l'Italia in modo evidente, ma riguarda tutta l'Europa. Quel modello di Stato nato con il 1929 non è più sostenibile.

E' più evidente in Italia questo che in tutta Europa.

Si, in Italia stiamo andando verso il punto di rottura. Ripeto che la crisi è generale e, in fondo, anche l'incertezza del quadro francese è un riflesso di questa crisi in generale. In Italia però manca totalmente un'etica della responsabilità. Non c'è nessuno Stato al mondo che tassa i produttori di ricchezza come l'Italia. Ci sono piccoli e medi imprenditori che, ogni mese, devono scegliere tra pagare i fornitori, pagare i lavoratori o pagare le tasse. Fare tutte le tre cose non è più possibile. In Italia si  può addirittura arrivare  a uno sciopero fiscale da parte degli imprenditori. Poi ci sarà l'Iva  al 23 per cento con un altro crollo dei consumi e infine l'Imu, con il crollo del valore delle case del 20 o 30 percento. Un'operazione per impoverire l'Italia del 30 percento.


(Gianluigi Da Rold)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.