BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Italia, se il riscatto dalla schiavitù della Bce parte dal Mediterraneo

Pubblicazione:martedì 1 maggio 2012

Foto: Infophoto Foto: Infophoto

Siamo arrivati al punto che - con la tecnica tanto più irritante delle notizie fatte circolare ufficiosamente - la Bce si permette di dare indicazioni in dettaglio al nostro governo su che cosa debba fare per ridurre la spesa pubblica, come ad esempio accorpare le province e così via. Dovrebbe essere chiaro che nel quadro delle sue competenze la Banca centrale europea ha titolo per chiederci di ridurre la spesa pubblica, ma non per dire al nostro governo come deve farlo.

Se dunque da Francoforte se lo permettono è perché contano sulla docilità di Palazzo Chigi, mentre  di certo non oserebbero fare altrettanto le maestrine con altri paesi membri del’Unione. Senza pregiudizio per l’auspicabile prospettiva della riforma delle province, sta all’Italia e non alla Banca Centrale Europea decidere che cosa farne. Vi immaginate, tanto per fare un esempio, che cosa succederebbe se messaggi del genere venissero spediti a Berlino? L’episodio conferma ancora una volta che, oggi come oggi, le istituzioni dell’Unione europea tendono a trasformarsi in un centro di potere tecnocratico autoreferenziale: un processo che in nome della libertà e della democrazia deve essere vigorosamente  contrastato. Più che mai in una situazione come quella che stiamo vivendo il mito dell’Europa (intesa in effetti come Nord Europa) non ci è affatto di aiuto.

Già i precedenti governi italiani avevano tutti quanti avuto il torto di far stare l’Italia nell’Unione in punta di piedi, come se il nostro Paese non avesse sulla scena europea niente di suo di importante da portare e niente di suo di importante da difendere. Adesso tale complesso d’inferiorità è giunto al diapason dal momento che l’attuale governo è una tipica espressione di quell’ampio segmento della classe dirigente italiana che la pensa proprio così (il che è più che mai assurdo se si considera che senza l’Italia l’Europa non esiste né sul piano storico-culturale, né sul piano geo-politico e nemmeno su quello delle istituzioni europee, di cui siamo membri fondatori).

Nel momento di grave crisi economica internazionale che stiamo vivendo tutto ciò, dicevamo, non ci è affatto di aiuto. Il Nord Europa è raggelato e il suo contatto ci raggela. Tende a rinchiudersi e a rinchiuderci. Spera troppo dagli Stati Uniti che oggi, benché siano ancora un grande attore dell’economia mondiale, non sono più in grado di esserne la locomotiva: al massimo possono tirare se stessi ma non riescono più a tirare gli altri. Senza battere nuove strade non se ne viene fuori, e l’Europa mediterranea è la meglio posizionata per cercarle.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
01/05/2012 - investire sui figli (francesco taddei)

giustamente si fa notare il valore storico-culturale e geopolitico del contributo italiano alla costruzione dell'europa(non dal '57 ma da 2700 anni) ma si evita la risposta al modo di fare della bce e di molti altri paesi, brasile ed india compresi. si può trattare male l'italia perchè noi non reagiamo. e abbiamo un complesso d'inferiorità. come fare dunque? insegnando ai nostri figli, nelle scuole il valore della loro storia, del loro lavoro, di un'identità comune. e poi chiedendo ai nostri politici di cercare una maggiore autonomia politica, anche dai nostri alleati, che forse non capiscono i nostri bisogni.