BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NOZZE GAY/ Snead: dollari e sostegno delle lobby, ecco i veri obiettivi di Obama

Pubblicazione:sabato 12 maggio 2012

Barack Obama Barack Obama

La maggioranza è contraria al riconoscimento dei matrimoni gay, nonostante il fatto che la Corte Suprema del Massachusetts diversi anni fa si sia espressa in questo senso, affermando che non esiste alcun pregiudizio razionale per limitare i matrimoni tra le coppie dello stesso sesso. Ci sono quindi alcuni giudici che la pensano in questo modo, ma ritengo che non si tratti della maggioranza, anche se lo vedremo man mano che i singoli tribunali dovranno affrontare la questione.

 

Se le dichiarazioni di Obama sono così modeste, per quale motivo i principali media Usa gli hanno dato tanta importanza?

 

La maggior parte delle persone che lavorano nei media americani sostengono con grande passione i matrimoni gay. La cultura delle elite è estremamente favorevole ai diritti omosessuali, e intende quindi enfatizzare qualsiasi sostegno che può venire dal presidente degli Stati Uniti. Inoltre nelle elezioni del 2008, il presidente Obama aveva dichiarato di essere contrario ai matrimoni gay. Il fatto che abbia cambiato idea, sul piano legale non può avere nessun effetto, se non in quanto Obama può designare dei giudici che si trovano sulle sue stesse posizioni sulle questioni costituzionali.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
12/05/2012 - Obama e i gay. (Carla D'Agostino Ungaretti)

Ma quanto sono potenti queste lobby omosessuali da poter condizionare anche la politica? E quanto affamati di potere sono i vari Obama, Cameron e soci che si affrettano ad avallare quelle pretese assurde, pur di garantirsene i voti? Ma come è possibile che fior di giuristi americani si dichiarino possibilisti o addirittura favorevoli al matrimonio degli omosessuali? Ma non si accorgono che si tratta di un mostro giuridico che contraddice millenni di civiltà non solo occidentale, ma di tutto il mondo? O meglio, se ne accorgono benissimo ma cosa non farebbero per ottenere il riconoscimento e il plauso della cultura dominante? In un'epoca che ha svalutato il matrimonio in favore delle unioni di fatto, proprio gli omosessuali vogliono sposarsi? Chi impedisce loro di vivere come gli pare? Mi addolora pensare che i genitori convinti che l'omosessualità praticata sia una perversione condannata da Dio non potranno più insegnare questa verità ai loro figli senza incorrere nella smentita sociale, forse anche in conseguenze penali e, peggio ancora, nella perdita di credibiltà agli occhi dei loro figli, irretiti dalla pazza cultura dominante. Qualcuno risponderà ai miei interrogativi?