BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISI GRECA/ Zirganos: niente tecnici, inevitabili nuove elezioni

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

Penso che sperino semplicemente in un governo stabile formato da una coalizione forte e duratura   che sappia seguire le loro richieste. Ma fra ciò che l’Unione spera e fra la realtà c’è una grandissima distanza.Anche perchè la situzione è molto fluida e in continuo divenire. Penso che lo scenario più probabile veda Pasok, Nuova Democrazia e probabilmente un partito di stampo liberale avvicinarsi alla maggioranza e formare, quindi, un governo. Toccherà alla sinistra democratica parteciparvi.

Ho letto che il vostro presidente Papoulias, ex partigiano, ha incontrato ieri il rappresentante di Alba Dorada, il partito di estrema destra che l’ha salutato con il braccio alzato…

Il presidente della Repubblica ha rispettato la Costituzione del nostro Paese che lo obbliga ad incontrare tutti i leader dei partiti in Parlamento. Al di là di ogni considerazione, ritengo che questo partito di estrema destra sia entrato a fare parte a tutti gli effetti della vita politica greca poiché molte persone hanno votato per il suo programma e sebbene sia distante anni luce da ciò che sono i miei ideali o quelli del presidente, penso che debba partecipare alle consultazioni. 

 

(Federica Ghizzardi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.