BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS GRECIA/ Così si vive in un Paese dove la gente ritira i soldi dalle banche

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

La Grecia non può uscire dall’Euro e sono gli stessi greci a non desiderarlo, anche se molti di loro purtroppo credono che tornando alla dracma scomparirebbero di colpo tutti i debiti. Mi auguro che in questa nuova campagna elettorale i leader dei maggiori partiti riescano a trasmettere un messaggio in particolare, che consiste nell’ammettere i propri errori, far sapere al popolo che è ora di cambiare e consigliare che tutti facciano un passo indietro per farne due in avanti tra qualche anno.

Come verrebbe vissuta dai greci una eventuale uscita dall’Euro?

E’ chiaro che in questo momento regni una forte instabilità. Tra ieri e oggi tantissimi cittadini greci hanno prelevato dalle banche milioni e milioni di euro per la paura del cambio nel caso in cui si dovesse tornare alla vecchia moneta. Con un ritorno alla dracma regnerebbe la totale confusione anche solo per le spese più semplici e ai greci che sono riusciti a risparmiare qualcosa o a mantenere il proprio posto di lavoro non è ancora dato sapere quanto sarà conveniente il cambio di valuta. Regna dunque una fortissima paura riguardo al ritorno alla dracma, il popolo greco non è pronto a questo e sono infatti convinto che se dovesse accadere scoppierebbe una vera rivoluzione.

Ci sono altri punti di forza oltre al turismo su cui la Grecia potrebbe fare leva per uscire almeno in parte dalla crisi?

Oltre al turismo, la Grecia può contare sulle energie alternative, l’agricoltura e la cultura. In questo Paese ci sono tantissimi terreni non utilizzati che andrebbero messi a disposizione di impianti fotovoltaici, eolici o di biomassa. Bisognerebbe poi fare il possibile per esportare il massimo della produzione agricola che la Grecia vanta, per non parlare della cultura e del turismo ellenico la cui importanza è ormai nota a tutti. Questi sono i soli elementi con i quali la Grecia può uscire dalla crisi.

Cosa potrebbe e dovrebbe fare invece l’Italia per aiutare la Grecia?

Penso soprattutto ad una collaborazione culturale e a itinerari turistici e culturali tra due Paesi detentori di un patrimonio artistico e culturale unico e inestimabile. Questa potrebbe essere l’occasione buona per far nascere un’alleanza non soltanto tra l’Italia e la Grecia ma anche tra tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, come Spagna, Malta e Cipro. Un’unica squadra “mediterranea” che possa definitivamente uscire vincitrice dalla storica rivalità con i Paesi del Nord Europa.

Come sta affrontando il popolo greco questo momento di grande difficoltà?

Come avviene nelle famiglie, in ogni momento di difficoltà ci si stringe ancora di più. La Grecia è riuscita a venir fuori da 400 anni di sottomissione turca proprio grazie all’immenso orgoglio che porta dentro di sé e che il popolo ha sempre dimostrato. Sarà questo stesso orgoglio a far riflettere tutti una volta entrati nelle urne e sarà proprio questo orgoglio l’elemento di svolta in questa crisi. E’ nei momenti di vera difficoltà che bisogna dimostrare il proprio valore, e il popolo greco lo farà.

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.