BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI EGITTO/ Samir: attenzione ai Fratelli musulmani, vogliono allearsi con l'esercito

Pubblicazione:mercoledì 23 maggio 2012

Una manifestazione per i copti in Egitto (InfoPhoto) Una manifestazione per i copti in Egitto (InfoPhoto)

Il rischio è l’instaurarsi di una tendenza islamica dittatoriale, che rappresenterebbe la peggiore delle ipotesi possibili. Dopo l’esperienza della rivoluzione di un anno fa, che pure è nata morta e non ha dato i suoi frutti, questa volta il popolo cercherebbe però di protestare in modo più efficace, sapendo che se i giovani e i liberali non si uniscono, allora prenderanno il potere i militari e gli islamisti. Il rischio quindi c’è, non possiamo evitarlo. E proprio perché gli egiziani ne sono ben consapevoli, probabilmente alle presidenziali vinceranno Amr Moussa o Aboul Fotouh, e non invece Mohamed Morsi.

 

Alle elezioni parlamentari hanno trionfato i Fratelli musulmani. Per quale motivo non dovrebbero ripetere lo stesso risultato anche alle presidenziali?

 

Dieci giorni fa si è svolto un incontro televisivo di quattro ore tra i due candidati dati per favoriti, Amr Moussa e Aboul Fotouh, seguito da parecchi milioni di egiziani. I sondaggi hanno fatto emergere una leggera preferenza per l’ex segretario della Lega araba, anche se non abbastanza significativa da risultare decisiva. Le proiezioni hanno comunque evidenziato che entrambe le personalità potrebbero governare. Le elezioni parlamentari inoltre hanno premiato i partiti più organizzati, quelle presidenziali potrebbero invece avvantaggiare le personalità più forti e con maggiore esperienza di governo come Amr Moussa.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.