BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MARO'/ Il giurista: possono venirne fuori se l'India non ha dei pm all'italiana...

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

Un altro duro colpo per i nostri marò e per il governo italiano che sta cercando di riportarli a casa. L’Alta Corte di Kochi ha rigettato il ricorso sulla giurisdizione da applicare a Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Il nodo del contendere è se la legge da adottare sia quella indiana o quella italiana, e quindi se la perizia balistica della polizia del Kerala sia valida o meno. Ilsussidiario.net lo ha chiesto a Carlo Curti Gialdino, professore di Diritto internazionale all’Università La Sapienza di Roma. La nave dei marò si trovava in acque internazionali.

 

Perché l’Alta Corte di Kochi ha ribadito che la giurisdizione da applicare è quella indiana?

 

Per ora l’unico fatto certo è che il ricorso del governo italiano riguardante la giurisdizione da applicare è stato respinto. Secondo il diritto del mare, se la nave mercantile Enrica Lexie si trovava in acque internazionali la giurisdizione era italiana, perché la bandiera era il tricolore. Se invece si trovava in acque indiane, si applica la legislazione indiana, ma siccome i due marò non erano lì come privati cittadini bensì come organo dello Stato, si applica l’esenzione dalla giurisdizione dello Stato (la stessa che vale per i corpi diplomatici, Ndr).

 

Quindi in entrambi i casi l’Alta Corte di Kochi ha sbagliato a respingere il ricorso dell’Italia …

 

Per stabilirlo bisognerà attendere che siano pubblicate le motivazioni della sentenza. Prima di allora, sarà impossibile sapere se si trattava di una decisione processuale, in quanto c’erano delle irregolarità nel ricorso del governo italiano, oppure se è una decisione nel merito, e in questo caso in che modo i giudici indiani hanno stabilito la competenza delle autorità giurisdizionali indiane.

 

Resta il fatto che ancora una volta la magistratura indiana si dimostra sfavorevole nei confronti dei nostri marò ...

 

Non tutti i ricorsi del governo italiano sono stati respinti, tanto è vero che la nave Enrica Lexie è potuta ripartire. Da venerdì i due marò inoltre sono stati trasferiti da una prigione a un ex riformatorio ristrutturato di Kochi, dove le loro condizioni sono migliori. Non si può quindi certo dire che negli ultimi tempi sia tutto andato storto.

 

Eppure la proposta di una compensazione economica, proposta da un indiano residente in Italia, è stata respinta in modo apparentemente ingiustificato …


  PAG. SUCC. >