BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GRECIA/ Deliolanes: l’euro sarà disintegrato dalla Merkel, non dal voto greco

Pubblicazione:

Angela Merkel (Infophoto)  Angela Merkel (Infophoto)

Tre giorni al voto in quella che si preannuncia come una tornata elettorale cruciale per il futuro dell’euro. Domenica la Grecia sarà chiamata ai seggi, e il vero favorito è Syriza, il partito di estrema sinistra di Alexis Tsipras. In un articolo pubblicato sul Financial Times, il politico ha sottolineato che “Syriza è impegnata a mantenere la Grecia nell'area euro”, ma “l'austerity minaccia di costringerci fuori dall'euro”. Per Tsipras, “il popolo greco vuole sostituire il fallimentare vecchio memorandum of understanding (firmato a marzo con l'Ue e il Fmi) con un piano nazionale per la ricostruzione e la crescita. Questo è necessario per evitare una crisi umanitaria e salvare la moneta unica”. Ilsussidiario.net ha intervistato Dimitri Deliolanes, corrispondente in Italia della radio tv pubblica greca ERT, per chiedergli di commentare la situazione greca alla luce del voto di domenica.

 

Perché Tsipras ha annunciato che manterrà la Grecia nell’euro?

 

Tsipras non ha mai voluto fare uscire la Grecia dall’euro. Questa è stata un’operazione di cattiva informazione della stampa italiana. Syriza è sempre stato un partito europeista, come hanno spiegato in tutti i loro programmi elettorali.

 

Che cosa accadrà dopo il voto?

 

Qualsiasi governo ci sarà all’indomani delle elezioni in Grecia, di destra o di sinistra, porrà alla trojka in termini molto risolutivi e molto decisi la questione di rivedere in maniera radicale il programma politico applicato negli ultimi due anni e mezzo riguardo alla Grecia. In altre parole, gli impegni politici presi dai governi precedenti non sono assolutamente applicabili.

 

Per quale motivo?

 

Nel cosiddetto “Memorandum 2” firmato nello scorso ottobre, era previsto che entro giugno ci fossero nuovi tagli per 11,6 miliardi di euro, il licenziamento di 60mila statali come prima tranche dei 150mila da lasciare a casa entro il 2015, un progetto di privatizzazioni e vendite degli asset pubblici, come isole e promontori, per 50 miliardi. Infine, era prevista una riforma della Costituzione in modo che se ci fosse stato un surplus primario dello Stato greco, sarebbe stato destinato direttamente al pagamento dei nostri creditori. Nessuno in Grecia, e non solo Tsipras, sarebbe in grado di applicare un programma del genere.

 

Quali sono le differenze su questo tema tra i principali partiti greci?

 

Ci sono delle differenze sulle modalità in cui deve avvenire questa contrattazione. Siccome gli accordi con i creditori sono diventati legge dello Stato, la sinistra radicale vuole abolire le leggi attualmente vigenti e iniziare una contrattazione con la trojka per vedere che cosa si può fare. Nea Demokratia, invece di cambiare la legge in Parlamento, vuole iniziare subito il negoziato. Per i socialisti invece il negoziato deve essere condotto da tutte le forze politiche, attraverso un governo di unità nazionale. Sono differenze tattiche, la sostanza è che tutti dicono che la ricetta per la Grecia non va bene.

 

Quali saranno le conseguenze per la Grecia di questa rinegoziazione degli accordi presi? 



  PAG. SUCC. >