BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI GRECIA/ Deliolanes: vi spiego la sfida che attende i due vincitori

Pubblicazione:lunedì 18 giugno 2012 - Ultimo aggiornamento:lunedì 18 giugno 2012, 8.43

Alexis Tsipras Alexis Tsipras

No. E’ vero che entrambi intendono rinegoziare il Memorandum, ma secondo modalità molto differenti. Il leader di Nuova Democrazia, Samaras, ha firmato il secondo Memorandum, e tra le riforme proposte dal centrodestra ci sono inoltre dei punti che Syriza assolutamente non condivide come le privatizzazioni e la vendita degli asset pubblici. Il governo di unità nazionale, naufragato dopo le elezioni del 6 maggio, non potrà essere riesumato in nessun modo.

 

Come si spiega il fatto che Nuova Democrazia sia riuscita a conservare il suo bacino di elettori?

 

Anche Nuova Democrazia è scesa dal 33% del 2009 al 28/30%. In vista di queste elezioni di giugno, il partito di Samaras è sceso inoltre a grandi compromessi accettando nelle sue file molti dissidenti. Ha fatto aperture a Dora Bakogianni, una liberista convinta che si era schierata a favore del Memorandum, a Panagiotis Psomiadis, un esponente dell’estrema destra sotto processo per scandali economici. Ha raschiato quindi il fondo del barile per arrivare primo, tuttavia non è riuscito a confermare i risultati del 2009. C’è quindi anche una crisi di Nuova Democrazia, anche se ovviamente sta lottando degnamente per avere il primo posto.

 

Da dove nasce questa crisi?

 

Nuova Democrazia rappresenta il vecchio e, insieme al Pasok, ha grandi corresponsabilità per la profonda crisi economica del Paese. E’ un partito che ha sguazzato a lungo nel clientelismo e nella corruzione, e sicuramente non ha dimostrato di essere in grado di affrontare i suggerimenti e le imposizioni dell’Ue in termini propositivi, facendo capire ai nostri partner europei qual è la situazione del Paese e sollecitandoli quindi a cambiare atteggiamento.

 

Samaras ha dichiarato di avere firmato il secondo Memorandum in seguito a pressioni molto forti …

 

Il leader di Nuova Democrazia fino all’ottobre scorso ha avuto un atteggiamento di totale chiusura nei confronti del primo Memorandum, poi a un certo punto si è convertito al secondo Memorandum: è stato un atteggiamento ondivago che ispira scarsa fiducia anche nei nostri partner europei, che pure lo hanno appoggiato considerandolo il male minore. Ora si giocherà tutto sulla sua capacità di rinegoziare il Memorandum.

 

Se dovesse essere nominato capo del governo, Tsipras riuscirà a fare uscire la Grecia dalla crisi?

 

In questa campagna elettorale Tsipras ha compiuto in poche settimane un’impressionante evoluzione dal massimalismo che lo distingueva a posizioni molto più responsabili e vicine alla realtà del Paese. Il suo partito è rimasto invece molto in ritardo, abbiamo sentito opinioni discordi, molto massimalismo e sparate di estrema sinistra. Tsipras come leader potrebbe dimostrare di avere delle capacità, sicuramente il suo partito sarà molto più problematico.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.