BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EGITTO/ Micalessin: Mubarak? Morirà quando lo deciderà l’Esercito

Pubblicazione:

Hosni Mubarak  Hosni Mubarak

“Le notizie sulla salute di Mubarak sono abilmente orchestrate dai militari per rimandare il responso delle elezioni. Il loro candidato Shafiq ha preso meno voti del fratello musulmano Morsi, e l’Esercito potrebbe essere tentato di forzare la mano ribaltando il risultato delle urne”. Ad affermarlo è Gian Micalessin, inviato e corrispondente di guerra de il Giornale, secondo cui “sono i militari che decideranno quando Mubarak morirà, in base alla convenienza politica”. Intanto fonti mediche ufficiali hanno smentito che l’ex presidente sia mai stato in coma profondo. In seguito all’ictus da cui è stato colpito le sue condizioni restano critiche, ma se supererà le prossime 48 ore potrebbe sopravvivere, anche se con capacità fisiche e intellettuali ridotte.

A chi gioverebbe la morte di Mubarak?

 

Mubarak ormai è un fantasma di se stesso, del tutto fuori dai giochi, e la sua morte non gioverebbe a nessuno. Piuttosto bisogna chiedersi a chi giovi tenerlo in vita o giocare con le notizie sulla sua salute. Quella che si sta consumando è una partita sul cadavere più o meno caldo dell’ex rais. La sua malattia serve a non farlo morire in carcere e non inimicarsi tanti nostalgici che ancora pensano che il suo regime abbia fatto qualcosa di buono. Con questo escamotage Mubarak è stato sottratto alla prigione e portato in un’istituzione sanitaria che appartiene ai militari, i quali decideranno il momento del suo trapasso.

 

A chi giova dunque tenere in vita Mubarak?

 

Tenerlo in vita serve ad allontanare il responso elettorale, manovrando in modo tale che il candidato dei militari Shafiq diventi più accettabile. I risultati dovevano infatti arrivare ieri e sono stati rimandati alla prossima settimana: tutti sanno che se dovesse risultare vincitore vorrebbe dire che ci sono stati brogli. E se nel frattempo l’ex rais morisse? L’emozione per un’eventuale morte di Mubarak potrebbe portare a posticipare ulteriormente la proclamazione del vincitore, magari a dopo i funerali.

 

Gli islamisti hanno esultato alla notizia della sua morte imminente …

 

In realtà in questo clima di attesa i Fratelli musulmani non hanno che da perdere e i militari non hanno che da guadagnare. Il tempo logora il movimento islamista, di fatto paralizzato, mentre favorisce l’ordine antico e la maggioranza silenziosa dell’Esercito, deciso ormai a recuperare il potere che ha gestito negli ultimi 70 anni.

 

Chi diffonde ad arte le notizie sul rais moribondo punta anche a mettere sotto accusa chi ne ha voluto la cacciata?



  PAG. SUCC. >