BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EGITTO/ Malak Kamal (deputato): Morsi presidente, per i cristiani è una catastrofe

Pubblicazione:

Un'elettrice vota per le presidenziali  Un'elettrice vota per le presidenziali

Dopo una lunga attesa e diversi rinvii, l’Egitto ha finalmente appreso ieri il nome del nuovo Presidente, Mohammed Morsi, candidato dei Fratelli Musulmani, che ha battuto il suo avversario, Ahmed Shafiq, esponente del precedente governo. Il Sussidiario.net ha intervistato Marianne Malak Kamal, cristiana copta di 28 anni e deputato del parlamento egiziano. Attivamente impegnata come volontaria del Meeting Cairo, Malak Kamal è stata nominata deputato dal Supremo Consiglio delle Forze Armate e esprime diverse riserve sul candidato dei Fratelli Musulmani e sulle proteste in piazza Tahrir.

 

Lei era  d’accordo con le manifestazioni contro i militari?

 

No. Le proteste sono avvenute mentre attendevamo tutti i risultati delle elezioni presidenziali, e manifestazioni in momenti così delicati sono solo controproducenti. L’Esercito ha salvato e protetto noi e la nostra rivoluzione, e dobbiamo quindi rispettare i militari.

 

Perché la Giunta militare ha ritardato la proclamazione dei risultati elettorali?

 

Per esaminare tutti i ricorsi presentati nelle singole circoscrizioni. Il governo è stato impegnato attivamente per preparare la proclamazione del nuovo presidente.

 

In molti hanno denunciato il rischio di brogli o di un colpo di Stato militare …

 

Non sono affatto d’accordo con loro. Nell’ultimo anno l’Esercito ha protetto la rivoluzione e la libertà, organizzando libere elezioni per il Parlamento e per la presidenza della Repubblica. Non vedo quindi perché dovrebbero organizzare un colpo di Stato. Il nostro Esercito vuole servire la nazione, ama il Paese e sono sicura che nel rendere noti i risultati elettorali lo farà con la massima chiarezza e rispetto della libertà.

 

In quanto cristiana e in quanto donna, che cosa pensa dei Fratelli musulmani?

I cristiani e le donne in Egitto stanno subendo diverse forme di discriminazione. Con presidente Mohamed Morsi dei Fratelli Musulmani, devo ammettere che sono molto pessimista nei confronti di quello che accadrà. Quando il Parlamento dominato dai Fratelli musulmani ha nominato i 100 membri dell’Assemblea costituente, ha scelto solo 8 copti e 7 donne. Il punto di vista dei Fratelli musulmani nei confronti dei cristiani e delle donne è spaventoso. Non credo quindi che tra noi e loro ci sarà mai pace. Con gli islamisti anche alla presidenza, sia i cristiani sia le donne dovranno soffrire molto. Il nostro futuro è coperto da nebbia fitta, stiamo andando verso una fase buia e un tempo molto pericoloso.

 

Con Shafiq la situazione sarebbe stata diversa?



  PAG. SUCC. >