BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GRECIA/ Deliolanes: Rapanos si è dimesso, ma per Atene c'è un guaio peggiore

Antonis Samaras (Infophoto) Antonis Samaras (Infophoto)

Ci spieghi meglio: questa richiesta di proroga di due anni le sembra vada in questa direzione?

Questa richiesta è il minimo, perché ci sono altre misure assolutamente inapplicabili. Se vuole le faccio un elenco.

Ce ne dica una.

E' previsto che ci sia la riforma della Costituzione in caso di un surplus primario dello Stato greco. I proventi, cioè, andrebbero direttamente ai creditori. Non solo l'etica parlamentare, ma gli equilibri politici e, soprattutto, la situazione esplosiva a livello sociale rendono assolutamente utopistico questo tipo di misura. Ci vuole un minimo di realismo da parte dei nostri creditori.

La Grecia adesso si sente sicura di rimanere nell'euro?

La questione dell'uscita della Grecia dall'euro è stata posta con eccessiva leggerezza. Abbiamo studi di persone molto più competenti di me in materia che dicono che l'uscita della Grecia dall'euro avrebbe conseguenze esplosive per la stessa Unione europea. So che gira una voce secondo la quale i tedeschi sono arrabbiati e vogliono usare la Grecia come la Lehman Brothers dell'euro e quindi darle una punizione esemplare. A me sembra una cosa destabilizzante, bisogna rimanere nell'euro e vedere come, lasciando da parte i dogmatismi, la rigidità da tutte e due le parti e capire in modo concreto come aiutare questo Paese a risolvere la situazione.

Come dice lei, però, da parte greca non sembrano siano ancora arrivati segnali incoraggianti.

Si tratta di un problema politico. Il caso dei  70mila assunti di soppiatto lo dimostra: il sistema politico greco continua a funzionare con il vecchio sistema clientelare e non sa funzionare in nessuna altra maniera. Questi partiti che hanno governato e che governano tutt'ora, Nuova Democrazia e Pasok, non riescono a ottenere consenso in nessun altra maniera che non sia il clientelismo. Questo è il problema.

Non proprio un quadro  che ispiri fiducia.

E' inutile che l'Unione europea dica che Samaras è garanzia di stabilità: abbiamo garanzie che Samaras non farà di nuovo un'altra operazione clientelista? Non era allora meglio cambiare completamente sistema politico e far governare questa forza di sinistra, Syriza, che almeno non è mai stata implicata in nessun precedente governo? Non lo so: mi pongo la domanda. Il problema era politico e continua a essere politico.

© Riproduzione Riservata.