BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

NIGERIA/ Attentato suicida in chiesa, almeno dodici morti a Bauchi

In Nigeria si è verificato un nuovo attentato mortale contro i cristiani, all'uscita di una chiesa dopo la funzione domenicale nel nord del Paese. Opera di un kamikaze islamico

Foto InfophotoFoto Infophoto

Nuovo tragico attentato in una chiesa della Nigeria. E' successo stamane quando un kamikaze si  fatto esplodere sul sagrato di una chiesa nella città di Bauchi, nel nord est della Nigeria, quella abitata a maggioranza da popolazione di fede islamica. Come si sa da tempo, in quella parte del Paese africano è in corso una offensiva di pulizia etnica contro i cristiani da parte di organizzazioni estremiste islamiche legate ad Al Qaeda che hanno dichiarato di voler espellere tutti i cristiani dalla Nigeria. In particolare, il più attivo è il gruppo islamico Boko Haram. Quello di oggi è solo l'ultimo di una lunga serie di attentati tutti contro chiese e durante le funzioni liturgiche domenicali. Le vittime secondo le prime notizie sarebbero dodici, ma il conteggio definitivo e ufficiale è ancora da riferire. Il kamikaze si è fatto esplodere proprio quando i fedeli cominciavano a uscire dalla chiesa al termine della funzione. Secondo le prime ricostruzioni dell'attentato, un kamikaze a bordo di un'auto imbottita di esplosivo si è buttato verso l'ingresso della chiesa dopo aver forzato alcuni posti di blocco. La chiesa è sita nel quartiere di Yalwa nella periferia di Bauchi. Il gruppo estremista islamico Boko Haram, guidato dal terrorista Mohammed Yusuf è al quarto attentato nel corso del 2012. Lo stesso gruppo è quello che ha rapito l'ingegnere Franco Lamolinara e il suo collega inglese poi rimasti uccisi nel blitz delle forze armate inglesi e nigeriane nel tentativo di liberarli. Proprio pochi giorni fa un altro italiano che lavora in Nigeria era stato rapito si suppone dagli stessi terroristi ma è stato rilasciato dopo poche ore ed è già rientrato inItalia. Rimane comunque drammatica la situazione dei cristiani in Nigeria sottoposti ad autentico genocidio senza che le forze governative possano o vogliano fare qualcosa di concreto per risolvere la situazione. La Nigeria, il più popoloso stato africano e uno potenzialmente dei più ricchi grazie ai vasti giacimenti di petorlio, ha una popolazioen divisa quasi a metà tra islamici e cristiani.