BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

COREA DEL NORD/ L'ex Console: la rimozione del capo dell'esercito? Un passo verso il "cambiamento"

Pubblicazione:martedì 17 luglio 2012

Infophoto Infophoto

Certamente. Io stesso, non più di un mese fa, sono ritornato lì dopo cinque anni e ho trovato un’altra nazione. Non ancora migliorata. Nemmeno forse già cambiata. Ma una nazione assolutamente in completo movimento.

 

Un esempio?

 

Prendiamo lo stato generale della popolazione: è indubbiamente migliorato. Non si vedono più le persone che si vedevano 15 anni fa. Si nota un’aumentata mobilità. Prima il traffico non c’era. E si vedono le biciclette sulle strade. Che prima non c’erano.

 

Perché questa enfasi su questi particolari?

 

Vede, io non sono un paladino della Corea del Nord. Sono un conoscitore. E dico smettiamola di parlare sempre e comunque in termini negativi di questa nazione. Cominciamo a parlarne in termini reali. Così potremo ottenere due effetti. Uno diretto: quello di avere un rapporto con la nazione. L’altro, per forza indotto, è quello di favorire l’integrazione di questo “regno eremita” nella comunità internazionale.

 

Con quali vantaggi?

 

Questo potrà avere aspetti costruttivi anche per la nostra economia e i nostri scambi, non solo commerciali. Perché oggi in Corea del Nord non c’è ancora nessuno straniero. E nessuno ci vuole andare! Però io, che nel mio piccolo sono andato, ci sto lavorando e sono ritornato. Ma se noi continuiamo ancora nel 2012, dopo settant’anni, a parlare ancora di guerre, di missili e soldati, non ne usciremo più.

 

In che senso mi scusi?

 

Noi parliamo di una nazione ancora in guerra. Mentre nessuno dice che loro vogliono solamente due cose. Primo, la firma della pace, perché tra Corea del Nord e Corea del Sud, trascorsi 60 anni, c’è ancora l’armistizio. E secondo, loro vogliono la denuclearizzazione della penisola. Perché se è vero che ci sono delle istallazioni nucleari al Nord, allora esistono anche al Sud. Con questo non sto facendo l’esperto politologo. Le sto fermamente parlando di una realtà che è così.

 

Sta parlando solo dei popoli o anche dei governi?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >