BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GRECIA/ Deliolanes (Ert): così i "sacerdoti" dell'Ue stanno soffocando il nostro popolo

Infophoto Infophoto

Il vero problema dell’Europa è liberarsi di questi “sacerdoti” della religione neoliberista e incominciare a discutere senza paraocchi dello sviluppo, delle privatizzazioni e dei tagli al settore pubblico. Fino ad allora, gli esponenti della finanza continueranno a soffocare tutto ciò che può portare allo sviluppo dell’economia reale, sia pubblica, sia privata.

 

Com’è possibile per la Grecia recuperare un equilibrio di bilancio in modo sostenibile?

 

Il problema vero, che ha sottolineato più volte anche il presidente del Consiglio italiano, Mario Monti, è avviare l’intera economia europea verso una prospettiva virtuosa di sviluppo. Attualmente nell’Eurozona solo quattro Stati su 17 hanno un Pil positivo. Né la Commissione europea, né la Bce, né il Fmi, che purtroppo è riuscito a inserirsi anche nelle vicende di casa nostra, sono riusciti a elaborare risposte a questa situazione. Si continua a riproporre un’ostinata visione di contrazione del costo del lavoro e di distruzione della proprietà pubblica e dello Stato sociale, che non porterà nessun tipo di benessere per il Vecchio Continente.

 

Quali soluzioni andrebbero adottate in Grecia?

 

In Grecia il prossimo passo sarà un’ondata massiccia di privatizzazioni. La maggior parte delle industrie pubbliche di Atene oggi sono in attivo, portano entrate cospicue nelle casse dello Stato e sono presenti sui mercati esteri. Venderle adesso e a queste condizioni, cioè a meno della metà del loro valore, mi sembra una mossa assolutamente fuori luogo. Occorre quindi un po’ più di considerazione nel preservare ciò che è pubblico e nello stimolare ciò che è privato.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.