BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SIRIA/ Massoud Akko: vi spiego perché il "piano Annan" è morto

Bashar al Assad (Infophoto) Bashar al Assad (Infophoto)

Oggi tutti i curdi in Siria sono contro Assad. D'altro canto, l'opposizione dei curdi non è una novità, noi ci siamo sempre opposti ai regimi siriani, anche prima di Assad. Il movimento politico curdo risale al 1957, quando fu fondato il primo partito curdo, e noi lottiamo da tempo per affermare i legittimi diritti nazionali dei curdi in Siria.

 

Qual è la sua opinione sulla presenza e il ruolo dei cristiani in Siria, una minoranza che è presente nel Paese fin dai suoi inizi?

 

Il ruolo dei cristiani nella rivoluzione non è inferiore a quello delle altre componenti del popolo siriano, partecipano a tutte le manifestazioni e molti di essi si sono uniti all'Esercito Libero siriano. Se vi sono cristiani sostenitori del regime, ciò non significa che tutti i cristiani sono suoi sostenitori. I sostenitori di Assad sono compositi e tra loro vi sono alauiti, sunniti, sciiti, cristiani e altri.

 

Cosa pensa degli inviti della gerarchia cattolica a fermare la violenza da entrambe le parti e a iniziare colloqui di pace? Qual è il suo parere sul piano di Annan, che i vescovi cattolici hanno dichiarato di appoggiare?

 

Non vi può essere trattativa con chi uccide bambini e donne e un dialogo con gli assassini sarebbe un insulto al sangue dei martiri. Dal marzo 2011 abbiamo avuto 20 mila martiri. Il piano di Annan è morto perché il regime non ha mai attuato il primo passo del piano, cioè la cessazione delle violenze. La maggior parte delle città siriane è stata bombardata e distrutta dalle forze armate del regime: che tipo di dialogo può essere condotto sotto i bombardamenti o i cannoneggiamenti? L'unica discussione è sull'uscita di Assad dal potere e il processo a lui e ai membri del suo regime.

 

Conosce movimenti che cercano una riconciliazione, come per esempio il movimento Mussalaha (riconciliazione) e cosa ne pensa?

 

Non so nulla di questo movimento.

 

Il fronte ribelle sembra essere molto eterogeneo. Quale pensa sia l'esito più probabile nel caso di caduta di Assad? L'estremismo islamico e il jihadismo rappresentano un serio problema per il futuro della Siria?