BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NIGERIA/ Il vescovo Kaigama: il martirio di una Chiesa da 3 anni sotto le bombe

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

E’ l’uomo-simbolo della lotta della Chiesa nigeriana contro gli attacchi del gruppo terroristico Boko Haram. Dall’inizio dell’escalation di violenza con cui i fondamentalisti stanno tentando di imporre la Sharia nel Paese, l’arcivescovo di Jos, Ignatius Kaigama, ha svolto un delicato ruolo di mediazione unendo cristiani e musulmani nella battaglia contro la deriva integralista. Il suo ruolo è stato riconosciuto nel marzo scorso con l’elezione a presidente della Conferenza Episcopale Nigeriana, ma lo ha anche portato a subire numerose minacce di morte con telefonate e sms anonimi. Oggi parteciperà al Meeting di Rimini 2012, intervenendo in un incontro dal titolo “Il martirio della Nigeria: Abbiamo bisogno del miracolo di Dio”.

 

In quale situazione si trova a vivere la Chiesa in Nigeria?

 

Con l’esplosione degli attentati terroristici del gruppo Boko Haram, i cristiani, specialmente quelli della parte settentrionale del Paese, hanno subito diversi attacchi. Le violenze hanno colpito indiscriminatamente persone riunite in preghiera, e molte di loro sono state uccise. Boko Haram ha dichiarato categoricamente di volere uccidere i leader del governo, i membri delle forze dell’ordine e i cristiani. A loro dire i cristiani sono infedeli e miscredenti e dunque meritano di essere assassinati.

 

Le parole “martirio” e “persecuzione” sono adatte per descrivere questa situazione?

 

Nel contesto che ho appena descritto, posso affermare che l’intera Chiesa, specialmente quella della Nigeria settentrionale, oggi è sotto attacco. I terroristi hanno creato una grande paura nei fedeli, scoraggiandoli dal recarsi a messa, tanto che molte persone preferiscono rimanere a casa o trasferirsi in altre parti della Nigeria che sono più sicure. E quindi la mia risposta alla sua domanda non può essere che affermativa: i cristiani stanno soffrendo una persecuzione per conto di questi gruppi malvagi che cercano di diffondere l’Islam con la forza.

 

Ritiene possibile un miracolo in una fase così grave come quella attuale?

 

Quando un problema va oltre tutte le capacità umane di risolverlo, non si può fare altro che guardare a Dio e all’intervento divino sperando in un miracolo. Dal 2009 la Nigeria si trova ad affrontare la violenza e la morte provocate da Boko Haram, e persino il governo e le forze dell’ordine non sono in grado di sconfiggere questa minaccia. La gente si trova abbandonata a se stessa e spaventata da questi nemici dalle fattezze di “fantasmi”. Gli affiliati e i fiancheggiatori di Boko Haram sono infatti creature senza volto che si materializzano solo per colpire e distruggere attraverso dei bombardamenti, mentre per il resto non si sa nulla di loro. In questa situazione un intervento divino è indispensabile, ed è l’unico che può salvare il popolo nigeriano da una carneficina che dura ormai da tre anni.

 

Il governo nigeriano si è opposto all’inserimento di Boko Haram nella lista dei gruppi terroristici redatta dagli Usa. Come si spiega questa decisione?



  PAG. SUCC. >