BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SIRIA/ Shaikh (Brookings Center): i cristiani escano dal loro ruolo marginale

Proteste nella città di Homs Proteste nella città di Homs

Il dialogo interreligioso deve essere un processo attraverso cui si costruisca una visione unitaria che comprenda tutte le comunità siriane. Non esistono possibili scorciatoie, c’è bisogno della partecipazione degli elementi di opposizione e di quanti si trovano ai margini.

 

Chi ha in mente in particolare?

 

Mi riferisco soprattutto alle comunità cristiane. Tutti, incluse queste ultime, devono mettersi d’accordo per quanto riguarda il periodo di transizione e su come dovrà essere il nuovo Stato siriano. La paura dei cristiani è comprensibile, ma ritengo che sia venuto il momento in cui anche loro prendano un posto al tavolo della nuova Siria.

 

A finanziare le rivolte arabe sono i Paesi wahabiti, Arabia Saudita e Qatar, da cui provengono anche i predicatori che incoraggiano l’odio anticristiano …

 

E’ innegabile che in quanto sta avvenendo ci sia una dimensione settaria, e questo è evidente soprattutto per quanto riguarda la Siria. Le rivalità tra sunniti e sciiti, come è avvenuto in Iraq, si stanno concentrando sulla Siria e vedono contrapposti da un lato Arabia Saudita e Paesi del Golfo, dall’altra le ambizioni egemoniche dell’Iran. Non si tratta però di un “progetto wahabita”, la situazione in realtà è più complessa.

 

In che senso?

 

Per molti Paesi la Primavera araba è stato uno shock. Nel Medio Oriente è stato creato un nuovo ordine, e l’Arabia Saudita si è trovata nelle condizioni di dover recuperare il ritardo accumulato. La stessa cosa è avvenuta agli Stati Uniti e all’Europa. Altri Paesi al contrario hanno visto in quanto è avvenuto un’opportunità per perseguire i loro interessi. E’ il classico caso del Qatar, che fin dall’inizio ha sostenuto la rivoluzione in Tunisia, Libia, Egitto e ora in Siria. Arabia Saudita e Qatar, pur essendo entrambi wahabiti, hanno avuto due reazioni molto diverse.

 

Come si spiega che, dall’inizio della Primavera araba, i salafiti stanno spuntando ovunque come funghi?