BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SIRIA/ Biloslavo: Assad o ribelli? Il rischio è che vincano gli estremisti

Le rovine nella Siria di Assad (Foto: Infophoto)Le rovine nella Siria di Assad (Foto: Infophoto)

C’è il generale Manaf Tlass, già fedele di Assad, fuggito a Parigi ai primi di luglio che sta lanciando segnali. Per guidare la transizione dovrebbe però fare un colpo di mano, eliminando Assad. In questo potrebbe avere l’appoggio degli Stati Uniti, ma io vedo questa strada piuttosto dura da percorrere. 

Parlando di Siria non si può non parlare dei vicini di casa, in primis Israele.

Ovvio che Israele non sia contento della situazione. Si accende una ulteriore minaccia per il suo territorio e la sua popolazione. Assad era un tiranno, ma le misure erano prese. Ora tutta la zona è come un grande Risiko, con la grande incognita di Iran e del suo potenziale nucleare. 

La prospettiva qual è, dunque…

La domanda che bisogna porci è: si va dalla padella alla brace? Perché alla fine, in una situazione come questa in cui si incrociano i veti politici, in cui non si riesce neanche a creare un corridoio umanitario vista l’opposizione di Cina e Russia, sono i gruppi estremisti a prendere il sopravvento.

 

(Daniela Romanello)

© Riproduzione Riservata.