BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI USA/ così il "sogno" di Romney mette in crisi Obama

Pubblicazione:

Mitt Romney (InfoPhoto)  Mitt Romney (InfoPhoto)

Dodici milioni di nuovi posti di lavoro in quattro anni. Non è l’”operazione simpatia”, non è nemmeno un discorso particolarmente brillante, ma quelle due cifre nel discorso di Romney resteranno memorabili. Di fronte alla convention repubblicana di Tampa, il candidato con un passato da imprenditore di successo punta sulla concretezza per rispondere alla crisi. Ilsussidiario.net ha intervistato Liliana Faccioli Pintozzi, che sta seguendo la convention come inviata di SkyTg24.

 

Com’è l’atmosfera che si respira alla convention repubblicana di Tampa?

 

Chi quattro anni fa partecipò alla convention che incoronò McCain e Sarah Palin mi ha raccontato che in quell’occasione c’era molto più entusiasmo. La mia sensazione in questi giorni è che ci sia una calma apparente di chi sa che se la sta giocando molto bene. Nonostante Romney non abbia colmato il gap con la classe media, i due candidati sono testa a testa. La carta in mano ai repubblicani è che oggettivamente l’economia va male.

 

Per Romney, è colpa innanzitutto di Obama …

 

Non mi stupisce, all’americano medio non interessa che la vera responsabilità sia della crisi dell’euro, dello tsunami in Giappone e delle due guerre di Bush. Negli Usa ci sono 23 milioni di persone senza lavoro, una disoccupazione sopra l’8% nonostante stimoli federali e le varie mosse di quantitative easing della Fed. L’americano medio vuole qualcuno da sgridare e da punire, ed è probabile che alla fine se la prenderà con Obama. Senza contare che ci sarà un numero crescente di persone che non andranno a votare.

 

Quante secondo i sondaggi?

 

Nel 2008 erano state 80 milioni, quest’anno dovrebbero essere 95 milioni. Per farsi un’idea, nel 2008 Obama aveva preso 70 milioni di voti. Secondo l’ultimo rilevamento, i 15 milioni di astenuti che si aggiungono quest’anno saranno soprattutto persone che nel 2008 votarono per i democratici. Nel Paese c’è molto scontento, e a pagarne le conseguenze sarà il presidente uscente. Se ciò sarà sufficiente a far vincere Romney, in questo momento è impossibile dirlo.

 

A che livelli è arrivata la personalizzazione dello scontro?

 

Non mi sembra una cosa sconvolgente, è una normalissima campagna elettorale a 10 settimane dalla conclusione e alla staffetta finale per il ruolo di leader del Paese. Nessuno dei due contendenti finora ha colpito l’avversario sotto la cintura.

 

Neanche Obama puntando il dito sulla dichiarazione dei redditi di Romney?


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
01/09/2012 - Romney senza preconcetti (Giuseppe Crippa)

Finalmente qualcuno che riesce a rispondere a otto domande su Romney senza ricordarci che è mormone, conservatore, antiabortista ma incoerente perché lo ammetterebbe per una donna stuprata ecc. E finalmente qualcuno che pone otto domande su Romney senza ritornare su questi punti che tanto solleticano la stampa e la televisione italiane e senza far trasparire né simpatia né antipatia. Una ragione in più per seguire Sky24 (ed anche Il Sussidiario).