BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA STORIA/ Giovanna: vi racconto la mia vita dedicata all’ideale

Pubblicazione:

La storia di Giovanna Tagliabue  La storia di Giovanna Tagliabue

Il terreno è stato pagato con le donazioni, grazie alle tredicesime di alcuni amici del Movimento, attraverso l’operazione “Un metro quadrato per Santa Caterina” e ad alcune raccolte specifiche. A scuola il compito di Giovanna è quello di formare con l’aiuto della Foe (Federazione opere educative) i genitori e i professori: “È incredibile come il carisma educativo possa affascinare. Nessun padre come racconta Nembrini è in grado di educare all’altezza dei desideri del figlio, quello che cerco di trasmettere ai padri è di educare il figlio all’ideale, allo sguardo più in là della miseria umana”. Giovanna è reduce dal successo scolastico de “La notte dei talenti” dove ogni ragazzo ha messo in mostra le sue qualità artistiche musicali. Anche questa è una forma di educazione “a guardare i figli nella loro totalità”. Sono le stesse famiglie a gestire la scuola, mentre la Foe garantisce un supervisore (un professore in pensione dell’Istituto Tirinnanzi di Legnano) che tiene i corsi di aggiornamento. Dai cinque bambini dell’inizio siamo arrivati a 316. È stato avviato anche uno scambio culturale per docenti sempre con la Tirinnanzi, perché “voglio fare le cose bene: l’educazione in questo Paese è prioritaria; gli adulti sono quello che sono, ma noi vogliamo incominciare da zero, per cambiare la mentalità dobbiamo passare dalla scuola. Sono molto contenta: Il carisma educativo di Giussani è una grande cosa, è una risposta incredibile sulla persona”. Parlare di Comunione e Liberazione in Paraguay significa, tra le altre cose, citare il Banco alimentare con la Colletta, la Cooperativa di risparmio e di credito, la caritativa nella Casa di riposo e in una Casa per minori dello Stato e la catechesi in preparazione alla cresima nella parrocchia della Recoleta. Il Movimento di Cl, guidato da Jorge Larrosa, non si limita solo alla capitale Asunción ma è presente anche a Ciudad del Este (con una Casa femminile), a Caaguazù, a Villarica e a Encarnación; riunisce circa 450 persone, molte delle quali giovani che stanno costruendo nuove famiglie e possono rappresentare un futuro per un Paese che ha bisogno di una nuova classe dirigente. E anche questa è una grande esigenza. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.