BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OBAMA & ISLAM/ Introvigne: il presidente Usa sul dialogo impari dal Papa...

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

Barack Obama ha tenuto il suo ultimo discorso alle Nazioni Unite nelle vesti di Presidente degli Stati Uniti, ovviamente se non verrà rieletto. In tale occasione ha toccato i temi caldi delle ultime settimane, cominciando da quell'odio che si è manifestato con gli attacchi alle ambasciate occidentali e di cui Obama ha chiesto se ne capiscano finalmente le ragioni, altrimenti potrà travolgere occidente e Islam. Ha poi parlato di "attacco ai valori comuni" da parte di questo odio islamico fondamentalista, frase che ha suscitato le più diverse interpretazioni. Valori comuni delle Nazioni Unite, valori comuni dell'occidente? O valori comuni degli Stati Uniti? Massimo Introvigne contattato da Ilsussidiario.net conferma questa poca chiarezza di espressione, ma ci tiene a precisare quale sia comunque la nozione di valori comuni che ha il Presidente americano: "Esistono senz'altro dei valori comuni a tutte le religioni così come all'ateismo, sono quei valori a cui l'uomo può arrivare sulla base della ragione umana. E' quella nozione del diritto naturale a cui il Papa ha richiamato anche adesso in Libano". Però, spiega Introvigne, "Obama non crede al diritto naturale negandolo in materie come l'aborto o la famiglia. La sua rimane una evocazione meramente romantica e sentimentale che non avrà alcuna conseguenza pratica". In tal modo, dice, "l'idea di diritto naturale fondato sulla ragione umana è totalmente assente in Obama, l'idea di una natura umana che determini  termini importanti  come la vita e la famiglia. Diventa quindi difficile andare a capire dove fondare questi valori comuni. Obama sembra andarli a fondare sulla scienza comparata delle varie religioni, nei valori comuni delle rispettive teologie anziché nella ragione e questo come ci insegna il Papa è molto difficile".

 

Obama sottolinea l'attacco in corso da parte dell'Islam ai valori comuni. Che ne pensa?

 

In realtà, ho letto diverse agenzie americane in merito a quanto detto dal Presidente degli Stati Uniti: alcune agenzie parlano di valori ideali, altre di ideali, altre ancora di ideali degli Usa. Però vorrei sviluppare questo ragionamento in due passaggi.

 

Ci dica.

 

Il primo è che indubbiamente esistono dei valori comuni all'Islam, al cristianesimo e anche all'ateismo o al buddismo e sono quei valori a cui l'uomo può arrivare sulla base della ragione umana. 

 

La ragione umana comune per ogni singolo uomo?

 

Sì, la ragione umana è comune, non è né atea né buddista, né cattolica o musulmana. Il secondo passaggio è che questa dottrina, secondo cui esistono dei valori nella natura stessa dell'uomo che la ragione può riconoscere, è precisamente la dottrina della legge naturale o del diritto naturale. E' quanto il Papa ci ricorda continuamente, ad esempio anche adesso in Libano rivolgendosi ai musulmani. Ma questa idea di legge naturale è qualcosa che Obama e il suo partito di solito negano in materie come l'aborto o la famiglia o il matrimonio gay.

 

Dunque questi valori comuni esistono o no?

 

La risposta è sì esistono valori comuni, però non li troveremo mai sulla base della religione ma sulla base della ragione. Per identificare questi valori comuni abbiamo bisogno di una chiara nozione di diritto naturale e purtroppo Obama e i suoi consiglieri non credono nel diritto naturale. Superficialmente, può sembrare che sia il Papa che Obama facciano riferimento a valori comuni per cristiani e musulmani, che dicano la stessa cosa. 



  PAG. SUCC. >