BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NEPAL/ Aereo caduto a Kathmandu, diciannove morti. Nessun italiano (video)

Pubblicazione:venerdì 28 settembre 2012

Everest Everest

Un aereo da turismo è caduto stamattina poco distante dall'aeroporto di Kathmandu capitale del Nepal. A bordo solo turisti, tutti deceduti per un totale di diciannove persone. Secondo le prime fonti che giungono dal paese asiatico, motivo dello schianto un'aquila che è andata a sbattere contro il velivolo. Non ci sarebbero italiani a bordo: una comitiva di nostri connazionali doveva in effetti prendere quel volo ma all'ultimo momento è stata dirottata verso un'altro volo. Morti invece sette turisti inglesi e cinque cinesi. Le altre vittime sono i membri dell'equipaggio. Si tratta di un velivolo Dornier della compagnia Sita Air specializzata in voli turistici. I passeggeri erano infatti diretti a Lukla da dove si parte per le escursioni sul monte Everest. Come detto un gruppo di italiani doveva imbarcarsi proprio su quel volo ma all'ultimo momento i loro imbarco è stato disdetto. Nel tentativo di atterrare dopo lo scontro l'aquila il pilota ha cercato di raggiungere il fiume Manohara ma il velivolo si è incendiato nell'impatto distruggendosi completamente. In un primo momento la televisione nepalese aveva parlato di italiani a bordo ma le nostre fonti diplomatiche hanno sentito: 'Nessun italiano era a bordo dell'aereo della Sita Air'. Lo ha appreso l'ANSA da fonte diplomatica italiana nella capitale nepalese."In effetti - ha detto per telefono la fonte diplomatica all'ANSA - era previsto che un gruppo di italiani salisse a bordo di quell'aereo, ma poi per ragioni organizzative non lo ha fatto". Non è la prima volta che in Nepal accadono incidenti di questo tipo, se ne ricorda ad esempio uno analogo nel 2008: un altro aereo da turismo era precipitato causando la morte anche quella volta di diciannove anni. Il Paese è in questo periodo dell'anno nel pieno dell'attività turistica e la regione dell'Himalaya è una delle più visitate al mondo. La presenza di un'aquila invece a bassa quota nelle vicinanze di un aeroporto - lo schianto è accaduto a meno di un chilometro dalle piste - è da spiegarsi, anche se un paese parzialmente selvaggio come questo episodi del genere possono verificarsi.


  PAG. SUCC. >