BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

STRAGE STATI UNITI/ Minneapolis: un licenziato uccide cinque ex colleghi, si è ucciso

A Minneapolis nel Minnesota un uomo che era stato licenziato è andato nel suo ex posto di lavoro e ha uccisi cinque suoi ex colleghi ferendone altri quattro. Poi si è sparato

Foto InfophotoFoto Infophoto

Nuova strage negli Stati Uniti. Questa volta teatro della tragedia è la città di Minneapolis nel Mid West dove un uomo che era stato licenziato da una ditta che si occupa di segnaletica per disabili ha ucciso cinque persone ferendone altre quattro. Poi si è sparato. Secondo le prime ricostruzioni non si sarebbe trattato di una sparatoria nel mucchio ma l'assassino avrebbe mirato proprio ai bersagli che voleva eliminare. L'azienda, la Accent Signage Systems, si trova nella capitale del Minnesota, Minneapolis. Verso metà pomeriggio di ieri qualcuno ha avvertito la polizia che era in corso una sparatoria all'interno della fabbrica. Quando le forze dell'ordine sono arrivate sul luogo tutto era già finito. Cinque morti, quattro feriti di cui tre sarebbero in gravi condizioni e l'autore della strage morto, si era sparato da solo. L'omicida aveva 36 anni ed era stato licenziato dalla stessa fabbrica di cui era un dipendente. Tra i morti i due dirigenti dell'azienda, uccisi probabilmente perché responsabili del licenziamento. L'azienda conta in tutto venticinque dipendenti, non sono note al momento le cause del licenziamento dell'assassino. Le forze dell'ordine hanno assicurato di non aver sparato alcun colpo e di aver trovato l'assassino già morto. Questo chiarimento si è reso necessario dopo le polemiche per un fatto analogo accaduto recentemente in pieno centro a New York. Anche qui un uomo che era stato licenziato da una ditta si era recato presso l'ex posto di lavoro e aveva ucciso sparandogli alla testa il suo ex capo. Era intervenuta la polizia sparando in mezzo alla folla del centro di Manhattan e alcuni passanti erano rimasti feriti. Ennesima strage della follia dunque in un paese dove nessuno si sente di mettere in discussione la legge che garantisce a tutti i maggiorenni l'acquisto libero di armi da fuoco. Tutto questo poi a pochi mesi dall'orribile strage in un cinema americano dove un folle durante la prima visioen del film Batman ha massacrato diverse persone tra il pubblico che stava guardando il film senza alcun motivo. Si attendono adesso i commenti ufficiali a questa nuova strage accaduta a Minneapolis.