BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ATTENTATO IN LIBIA/ Caso De Sanctis, non basta il gas a sostituire l'intelligence

Una bandiera libica (Foto: Infophoto) Una bandiera libica (Foto: Infophoto)

Rimandando a quanto sull’argomento già ho scritto su Ilsussidiario.net, in particolare lo scorso 22 ottobre, mi limito qui a sottolineare concludendo che la situazione in Libia è quanto mai instabile che, sia in forza del passato che del presente, nessuno più del nostro Paese può e quindi deve fare una politica attiva di aiuto alla pacificazione facendo innanzitutto leva sull’avvio di progetti di sviluppo condiviso. E’ inutile, e prima ancora è pericoloso, lasciare ad altri responsabilità che sono nostre. Non fa che aumentare il rischio che persone di animo “particolarmente acceso” volendo sparare nel mucchio contro l’Occidente finiscano per sparare a noi. Come già scrivevo, bene che in Libia ci sia l’Eni, ma da sola l’Eni non basta.

© Riproduzione Riservata.