BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI ISRAELE/ Netanyahu vince ma non trionfa: Parlamento diviso

Pubblicazione:mercoledì 23 gennaio 2013

Benjamin Netanyahu, vincitore elezioni israeliane Benjamin Netanyahu, vincitore elezioni israeliane

La vittoria pronosticata nei giorni scorsi c'è stata ma non è stato il trionfo annunciato dai sondaggi. Benyamin Netanyahu vince ma il nuovo parlamento israeliano (Knesset), almeno secondo i primi exit-poll, appare spaccato, con un risicato vantaggio del fronte delle destre (62 seggi sul totale di 120). La vera sorpresa di questa tornata elettorale, colui che possiamo indicare come il vincitore morale è senza dubbio il nuovo partito centrista laico di "Yesh Atid" del giornalista tv Yair Lapid, che ha festeggiato a tarda sera a Tel Aviv con i suoi sostenitori inneggiando alla "speranza di un cambiamento".
La coalizione conservatrice di destra, formata da Benjamin Netanyahu e dal suo ex ministro degli Esteri Avigdor Lieberman non ottiene, dunque, la maggioranza, e anzi la loro lista Likud-Beitenu conquista 31 seggi: meno di quanto i sondaggi indicassero (perde 11 seggi rispetto alle scorse elezioni) e molti meno dei 40 della somma complessiva di deputati allineati dai due partner nel parlamento uscente. Subito dopo con 19 seggi si piazzano i centristi di Lapid, a seguire con 17 seggi troviamo i Laburisti di Shelly Yachimovich. Rimane fermo a quota 12 il nazionalista religioso ultrà Naftali Bennett, di "Bayit HaYeudi". 12 seggi anceh per gli ortodossi sefarditi dello Shas.
Anche se sulla carta la destra avrebbe ottenuto circa 62 seggi contro i 58 accreditati al centrosinistra (liste arabe comprese), Netanyahu, con i suoi 31 seggi conquistati, sa bene di dover trovare nuove alleanze per formare il nuovo governo e strizza l'occhio a Lapid, che però ha già fatto sapere che sarebbe disposto a rientrare in un esecutivo solo se questo si impegnerà ad apportare cambiamenti economici e a riprendere seriamente i colloqui di pace con i palestinesi.
Il premier uscente ha comunque festeggiato la vittoria che lo potrebbe riportare per la terza volta a capo del Knesset israeliano, certo, con un margine di manovra estremamente limitato. È per questo che Netanyahu non ha perso tempo e si è già mosso tra i suoi, proponendo i punti promaggramatici su cui costruire le larghe intese. Una delle priorità resta lo sforzo di impedire all'Iran di dotarsi di armi nucleari, poi un'attenzione particolare alla moderazione politica, la responsabilità economica all'equità fra religiosi e laici, e non utimo l'emergenza casa sul fronte sociale.


  PAG. SUCC. >