BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

UK VS UE/ Dal referendum una "idea" per tutta Europa

David Cameron, foto InfoPhotoDavid Cameron, foto InfoPhoto

Non sono mai stati una forza trainante. Se noi pensiamo alle iniziative che hanno visto cambiare gli assetti in Europa ultimamente, sono tutte iniziative francesi o tedesche e in qualche caso anche italiane. Il Regno Unito è sempre stato un po' ai margini dopo di che cosa succederà se dovessero uscire non lo sappiamo oggi. E' qualcosa che non era previsto all'inizio e quindi bisognerà rifletterci sopra.

 

Sembra di capire che Cameron non abbia tutti i torti a criticare l'Europa. E' così?

 

Da un certo punto di vista forse è  positivo che si dica realmente cosa vogliamo, come lo vogliamo e quali siano i confini dell'Europa in termini politici e anche economici. In pratica: chi non ci vuole stare non ci stia. Quelle di Cameron non sono preoccupazioni elettorali interne, ma sollevano un problema di diversità di modo di pensare. Cameron, ad esempio,  sta facendo una grossa battaglia sul budget europeo perché vuole che si tagli di più e questo sottolinea la differenza. Nel Regno Unito lo Stato ha un peso molto meno rilevante rispetto agli altri paesi europei, è uno Stato più snello. La loro idea è: guardate che l'Europa spende troppo. E' una diversità di prospettiva pensano davvero in modo diverso da un francese che dirà che lo Stato è importante ed è giusto che pesi tanto.

© Riproduzione Riservata.