BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

NEW YORK/ La gente non ama Bill de Blasio ma lo voterà felice. Perché?

Bill De Blasio in campagna elettorale (Infophoto)Bill De Blasio in campagna elettorale (Infophoto)

 Il candidato democratico vuole togliere di torno il potente Raymond Kelly, Capo della Polizia, mentre la gente lo stima e lo vuole al comando dell'ordine pubblico; vuole bandire lo "stop & frisk", il diritto dei poliziotti a fermare e perquisire chiunque desti sospetto, mentre per la gente questa operazione costituisce una legittima azione cautelare necessaria per il bene di tutti; vuol chiudere le charter schools, quelle scuole gestite privatamente con sovvenzioni pubbliche, che per i cittadini rappresentano il futuro della libertà di educazione. E parecchie altre cosette su cui la stragrande maggioranza della gente non è per nulla d'accordo.

Non è d'accordo, eppure lo voterà. Perché così va il mondo, e cosi sembra debba andare anche New York City. Il "fumo ideologico" fa persino dimenticare quel che sta veramente a cuore.

Ci stanno convincendo che se non votiamo un "liberal democratico" torniamo all'età della pietra. Il che è teoricamente possibile, ma non è scritto da nessuna parte. Questo "assunto" spazza via qualsiasi necessità di lettura della cose, di giudizio e di verifica. Basta fidarsi dell'idea di fondo. Un'idea di fondo che – Havel ci viene ancora incontro –  "fornisce alla gente l'illusione che il sistema sia in armonia con l'ordine umano e l'ordine di tutto l'universo". 

Non è così e non siamo fatti per questo.

© Riproduzione Riservata.