BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIARIO BURUNDI/ La carezza di Gesù tra bimbi orfani e madri che muoiono di parto

Pubblicazione:lunedì 14 ottobre 2013

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Questa settimana ho trascorso molto tempo in neonatologia. Una memoria continua dell’impotenza dell’uomo. Ma prima di tutto, assieme agli strumenti che mancano, al personale e a tutto il resto, arrivano neonati partoriti qui da noi in ospedale o nei vari centri sanitari, a casa o per la strada che pesano 1.000 – 1.500 gr. Sembrano dei piccoli carcerati. Con i vestitini fatti dalle suore, che a furia di lavarli sono diventati tutti dello stesso color terra. Tante volte, con ossigeno e flebo (i grandi strumenti che abbiamo) non si combina molto... per fortuna c’è in abbondanza il latte di mamma. Anche questa settimana ne abbiamo battezzati due: Maria e Giuseppe. Ci sono ancora. Di notte mi è capitato di svegliarmi e mettermi a pregare; pensavo a loro e mi chiedevo se si poteva fare qualcosa di più o di diverso. Ho pensato a Elvira Parravicini e alla sua confort care. Certo non siamo alla Columbia di NY, ma vedendo la piccola Maria che piangeva, l’ho tirata fuori dall’incubatrice e l’ho presa in braccio, sempre con l’ossigeno. Si è calmata subito e ossigenava meglio. Poi è arrivata la mamma, abbiamo messo una sedia vicino all’incubatrice e l’abbiamo fatta accomodare con la piccola in braccio. Chissà se fa più l’amore di mamma o la bombola di ossigeno … Ho pensato che se non riuscivamo a fare di meglio, poteva almeno morire contenta.

A casa adesso sono sola. Francesco è partito; mangio assieme alla famiglia e alle due bambine e qualche volta viene Silvia, la fisioterapista spagnola. Oggi abbiamo avuto a pranzo le tre suore. Quindi sono sempre in buona compagnia.

Sono stata due volte al corso per infermieri a vedere cosa fanno e ho partecipato al corso pratico su “Come somministrare i farmaci”. C’era uno studente che lavora già come infermiere non qualificato, che spiegava che dopo aver somministrato lo sciroppo al bambino lo devi prendere per le braccia e scuoterlo, così la medicina va giù. Ho preso coscienza che ci sono un po’ di cose da correggere.

Credo proprio che ogni giorno mi è dato di toccare la carne di Cristo e sono grata della possibilità di non dimenticare Colui che sempre mi precede e ancora mi vuole.

Ancora due settimane. L’ultima arriverà il prof e faremo il punto della situazione.

 

(Chiara Mezzalira)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.